Smog, Bottacin: “La situazione è di emergenza, limiti sforati in tutte le province. Governo ci aiuti”

VENEZIA - "Il Veneto sta vivendo una vera e propria emergenza a causa dell'inquinamento dell'aria. In tutte le
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

VENEZIA – “Il Veneto sta vivendo una vera e propria emergenza a causa dell’inquinamento dell’aria. In tutte le province infatti si stanno superando da giorni i limiti previsti dalla legge per gli inquinanti e, in molti casi, sono stati raggiunti picchi elevatissimi di pm 10 che mettono a rischio la salute dei cittadini”. E’ l’allarme lanciato dall’assessore regionale all’Ambiente Gianpaolo Bottacin, in relazione alla situazione che è destinata a peggiorare a causa della stabilità atmosferica, prevista nei prossimi giorni.

smog“La nostra Regione- spiega Bottacin- ce la sta mettendo tutta: è in approvazione in Consiglio il Piano di risanamento e tutela dell’atmosfera che prevede specifiche azioni per la lotta all’inquinamento basate su evidenze scientifiche e non su interventi spot”. Per “sostenere tali azioni- prosegue Bottacin- ho chiesto al ministro Galletti di contribuire almeno con mezzo milione di euro. I 12 milioni per tutto il territorio nazionale, promessi al Tavolo governativo del 30 dicembre scorso per incentivare il trasporto pubblico locale, non sono infatti adeguati e spostano solo l’attenzione su misure che non affrontano i veri nodi strutturali, a partire dal riscaldamento civile”.

Gli “interventi strutturali- conclude Bottacin- che sono quelli che veramente contano ed erano già previsti nell’accordo di programma per l’adozione coordinata e congiunta di misure per il miglioramento della qualità dell’aria nel bacino padano, purtroppo non sono ancora stati adempiuti dal Governo. Lo ribadirò al ministero a Roma nell’incontro, fissato anche grazie alle mie sollecitazioni, per martedì prossimo”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»