Apple ritira adattatori pericolosi: rischio di shock elettrico

In una nota riportata sul sito, l'azienda di Cupertino annuncia le motivazioni del ritiro e le procedure per la sostituzione degli apparecchi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Rischio di shock elettrico se toccati”. Con questa motivazione Apple ha diffuso una nota in cui annuncia il ritiro di alcuni adattatori pericolosi. “In casi molto rari – scrivono sul portale dell’azienda – gli adattatori per la presa a muro CA di Apple bipolari progettati per essere utilizzati nell’Europa continentale, in Australia, in Nuova Zelanda, in Corea, in Argentina e in Brasile potrebbero rompersi e creare il rischio di scossa elettrica se toccati. Questi adattatori per le prese a muro, forniti con i Mac e alcuni dispositivi iOS tra il 2003 e il 2015, erano anche inclusi nel Kit adattatore internazionale Apple”.

apple adattatori

Per tutelare i clienti e la loro sicurezza, Apple ha così deciso di sostituire gratuitamente gli adattatori per presa a muro interessati dal problema con un adattatore nuovo e riprogettato. Tutti gli interessati, potranno effettuare la sostituzione delle parti interessate usando la procedura indicata sul sito di Apple.

Nella nota, l’azienda di Cupertino sottolinea che questo programma non riguarda altri adattatori per le prese a muro, compresi quelli utilizzati negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Cina e in Giappone e gli alimentatori USB di Apple.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»