Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Mauritius, condannato il capitano della petroliera Wakashio

petroliera mauritius-min
Il 25 luglio del 2020 la nave si incagliò contro la barriera corallina, causando lo sversamento di oltre un migliaio di tonnellate di greggio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Si è conclusa con una condanna a venti mesi di carcere il processo a carico del capitano e del vice-capitano della petroliera giapponese che il 25 luglio del 2020 si incagliò contro la barriera corallina al largo delle Mauritius, causando lo sversamento di oltre un migliaio di tonnellate di greggio. Si è trattato del più grave disastro ambientale mai registrato nel Paese africano. La nave, la giapponese Mw Wakashio, era salpata da Singapore ed era diretta verso il Brasile con quasi 4.000 tonnellate di petrolio, quando il capitano Sunil Kumar Nandeshwar perse di vista la rotta poiché era stato distratto da una festa a bordo. Lo ha riferito lui stesso alla corte, e con il vice-capitano ha anche chiesto perdono per l’accaduto.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»