Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

I presidi: “Riconsiderare l’uso delle mascherine Ffp2 a scuola”

mascherina green pass classe scuola
Il presidente dell'Anp, Antonello Giannelli: "In passato il Cts ne aveva sconsigliato l'uso generalizzato ma con le nuove regole i ragazzi devono già usarle sui mezzi pubblici"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Ritengo opportuno che le competenti autorità sanitarie riconsiderino l’utilizzo a scuola delle mascherine Ffp2. Mi è ben chiaro che in passato il Cts ne aveva sconsigliato l’uso generalizzato, ma le peculiarità della nuova variante Omicron potrebbero modificare tale valutazione“. Così il presidente dell’Associazione nazionale presidi (Anp), Antonello Giannelli.

LEGGI ANCHE: Il ministro Bianchi assicura: “Il 10 gennaio si torna a scuola in presenza”

A proposito dei dispositivi di protezione individuale con maggiore capacità filtrante, il rappresentante dei dirigenti scolastici, con l’entrata in vigore del decreto festivitài ragazzi che utilizzano mezzi pubblici e dedicati già dovranno indossarle per raggiungere le scuole. I numeri dei contagiati di quest’ultime ore ci dicono che la fascia dei più piccoli è ancora quella più colpita, probabilmente perché tra loro i vaccinati sono ancora troppo pochi”.

Per Giannelli, “il problema ora sono i tempi. Se vogliamo che sia tutto pronto per la riapertura delle scuole, si deve considerare sin da ora l’eventualità dell’organizzazione della distribuzione delle Ffp2, per evitare corse affannose dell’ultimo momento. Contemporaneamente, dobbiamo accelerare le operazioni di vaccinazione degli alunni sotto i 12 anni anche attraverso una campagna informativa mediatica adeguatamente chiara, volta a fornire alle famiglie tutte le informazioni necessarie per decidere con la massima serenità e su basi scientificamente accertate. Il vaccino rimane l’arma principale contro la diffusione del contagio – conclude il presidente dell’Anp – e dobbiamo ad esso la possibilità di continuare la nostra vita anche in questo frangente”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»