Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Figliuolo: “Dal 10 gennaio richiamo vaccino dopo quattro mesi”

Imagoeconomica_Francesco Paolo Figliuolo
Il commissario straordinario all'emergenza Covid-19: "Contro la variante Omicron bisogna correre, in Italia campagna di massa ed etica"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Questa variante Omicron è molto contagiosa, dicono gli scienziati da due a cinque volte di più della Delta, ma le prime evidenze cliniche ci dicono che non è così nefasta, ma questo è da prendere con ‘beneficio di inventario’ perché i casi stanno aumentando e sono sotto osservazione“. Lo ha detto il commissario straordinario per l’emergenza Covid-19, il generale Francesco Paolo Figliuolo, in diretta da Torino intervenendo a Rai 1 alla trasmissione Storie italiane.

DAL 10 GENNAIO OK AL RICHIAMO DOPO QUATTRO MESI

“Posso rassicurare che chi è completamente vaccinato con la terza dose, o cosiddetta booster, è molto protetto da ospedalizzazioni rispetto a Omicron – ha aggiunto Figliuolo – Dobbiamo correre e dal 10 gennaio amplieremo la platea a quattro mesi rispetto all’ultima inoculazione; da oggi le terze dosi per i 16 e 17 anni e per i fragili dai 12 ai 15 anni. Il focus resta su anziani e vulnerabili ed è il vanto della campagna italiana che, con l’ordinanza 6 del 9 aprile, ha messo in fila le priorità ed è stata la svolta. La campagna italiana è etica oltre che di massa“, ha sottolineato il generale.

LEGGI ANCHE: Iss: “Dopo 5 mesi l’efficacia del vaccino scende dal 71% al 30%”

Proprio pensando alle categorie fragili, il commissario all’emergenza ha ribadito: “Queste persone sono la priorità 1, senza prenotazione possono essere vaccinate. Per la problematica di chi è allettato ci sono le unità Usca insieme ai team sanitari messi a disposizione dal ministro Guerini che operano a domicilio. Dobbiamo continuare”. In Italia, ha ricordato Figliuolo, “ci sono ancora 5 milioni e 750 mila persone che non si sono mai accostate ai centri vaccinali e non hanno avuto la malattia. Tre milioni sono nella classe da 30 a 59 anni, quindi persone che lavorano, si spostano molto e bisogna insistere”.

LEGGI ANCHE: Battiston: “Rivedere regole sulla quarantena o torneremo a un lockdown di fatto”

“VACCINO NOVAVAX CONVINCERÀ MOLTI ESITANTI”

Figliuolo ha espresso fiducia rispetto all’introduzione da febbraio del vaccino Novavax: “Da febbraio avremo il vaccino Novavax che è di tipo tradizionale e sarà un ausilio per convincere gli esitanti, a sensazione – ha precisato, raccontando di aver condiviso questa sensazione con il ministro Speranza – penso che molti esitanti possano convincersi perché di tipo tradizionale. I vaccini – ha ribadito il generale – sono tutti sicuri e approvati da agenzie regolatorie”.

“A GENNAIO 1,8 MILIONI DI DOSI PFIZER PER I BAMBINI”

“Con l’ultimo decreto del 23 dicembre è stato deciso che la struttura scolastica acquisisca mascherine Ffp2 per docenti e operatori scolastici dove ci sono fragili o minori che non possono essere vaccinati. Per la vaccinazione di bambini abbiamo 1 milione e mezzo di dosi e siamo a 170mila inoculazioni e a gennaio arrivano a 1 milione e 800mila dosi Pfizer per i bambini. Il mio invito alle famiglie incerte è di prendere contatti con pediatri in piena libertà e coscienza“. Questo l’appello che il Commissario all’emergenza Covid19 ha lanciato alle famiglie ricordando le emozioni vissute nella sua recente visita al Meyer di Firenze e apprezzando iniziative come quella di Explora a Roma dove i bambini hanno vissuto la vaccinazione in un contesto ludico.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»