Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Battiston: “Rivedere regole sulla quarantena o torneremo a un lockdown di fatto”

ansia-preoccupazione-stress-tristezza-quarantena-scaled
Il professore di Fisica dell'Università di Trento: "Il vero problema resta il 10% di adulti non vaccinati, con la contagiosità della variante Omicron rischiamo migliaia di vittime"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “È la prima volta da inizio pandemia che la frazione di positivi può diventare confrontabile alla popolazione complessiva. Per questo è auspicabile che siano riviste le norme su quarantena e isolamento, o rischiamo di ritrovarci in una sorta di lockdown non voluto”. Lo ha detto Roberto Battiston, professore di Fisica all’Università di Trento, nel corso di un’intervista a ‘La Repubblica’.

LEGGI ANCHE: Il personale è in quarantena, a Firenze il Duomo chiuso ai turisti

Covid, Bassetti: “Rischiamo milioni di isolati e un Paese paralizzato: servono regole nuove”

Secondo il docente, che tiene un monitoraggio sulla situazione Covid in Italia, “presto la variante Omicron, già al 40%, soppianterà la Delta. Il vero problema resta quel 10% di adulti non vaccinati. Sono poco meno di sei milioni di persone – ha aggiunto Battiston – e se Omicron, vista la sua alta capacità di diffusione, colpisse in modo sistematico ci ritroveremmo con migliaia di vittime e un sistema sanitario in tilt”.

LEGGI ANCHE: Iss: “Dopo 5 mesi l’efficacia del vaccino scende dal 71% al 30%”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»