Damiano: “Cig per tutto il 2021 o licenziamenti a raffica”

cesare damiano
L'ex ministro del Lavoro: "In vista del Recovery Plan va predisposto un vero e proprio Piano per il Lavoro dipendente e autonomo da confrontare con le parti sociali"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Ha ragione il ministro Catalfo, servono altre risorse per proteggere il lavoro”. Lo dichiara Cesare Damiano, già ministro del Lavoro e consigliere Inail. “Innanzitutto – spiega – immaginare che a fine marzo scada la Cassa integrazione da Covid e il blocco dei licenziamenti, è assolutamente irragionevole. Queste misure vanno prorogate e superate gradualmente non prima della fine del 2021, valutando settore per settore la ripresa della produzione e dell’occupazione. In caso contrario, ci sara’ una raffica di licenziamenti gia’ a partire da aprile, come e’ stato annunciato da numerose aziende, a partire da Whirlpool. Non ce lo possiamo permettere: sarebbe socialmente inaccettabile, iniquo e contro i più deboli. Le risorse fin qui stanziate per la Cig non verranno spese tutte, come ha ricordato il ministro Gualtieri: quello che si risparmia venga allora reinvestito per prolungare le protezioni sociali senza aggravio di spesa. Del Covid non ci sbarazzeremo facilmente e non c’è ‘un’ora X’. Con il vaccino, fino al raggiungimento della ‘immunita’ di gregge’ (il 66% della popolazione vaccinata), usciremo gradualmente dalla pandemia: le protezioni sociali devono andare di pari passo ed essere calibrate con la ripresa dell’economia. Il Governo ha sempre dichiarato che ‘nessuno verrà lasciato indietro’: perché questa previsione si avveri, in vista del Recovery Plan va predisposto un vero e proprio Piano per il Lavoro dipendente e autonomo da confrontare con le parti sociali, al quale andranno destinate più risorse di quelle attualmente previste”, conclude. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»