VIDEO | 16enni investite a Roma, il parroco ai funerali: “Il senso della vita non è bere e fumarsela”

Da ieri sera il figlio 20enne del regista è agli arresti domiciliari. Stamattina migliaia di persone ai funerali delle ragazze
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Due bare bianche accolte dal silenzio e dalle lacrime di centinaia di persone. Sono iniziati così, nella parrocchia del Preziosissimo Sangue di Nostro Signore in via Flaminia Vecchia, a Roma, i funerali di Gaia Von Freymann e Camilla Romagnoli, le due 16enni travolte e uccise la notte del 22 dicembre da un’auto su Corso Francia. L’uomo alla guida, il 20enne Pietro Genovese, si trova da ieri agli arresti domiciliari.

“Il senso della vita, lo aveva chiesto giorni fa Camilla alla sua famiglia. Ecco, magari quando sei sbronzo o sei fatto ti metti a guidare? Questa é la vita? In fondo ci sentiamo padreterni e poi non riusciamo a seguire le regole base della convivenza. Ci riscopriamo tutti un po’ palloni gonfiati. Il senso della vita non è bere e fumarsela”. Così il parroco della chiesa del Preziosissimo Sangue di Nostro Signore, a Roma, durante l’omelia dei funerali delle due 16enni travolte e uccise da un’auto il 22 dicembre scorso nella vicina Corso Francia.

LEGGI ANCHE: Sedicenni travolte e uccise a Roma, ecco i risultati dei test alcol e droga sul guidatore

“DA GIORNI CI CHIEDIAMO PERCHÈ”

“Da giorni ci chiediamo il perché. Ci interroghiamo sull’insensatezza di quanto accaduto. Brancoliamo nel buio. Quello di oggi è il grande abbraccio che diamo ai genitori di Gaia e Camilla, in questa ora così buia”, ha detto ancora il parroco.

UN’AMICA: “DOLORE INDESCRIVIBILE DURERÀ PER SEMPRE”

“Sedici anni sono troppo pochi, non posso crederci che fossi con te Gaia e il giorno dopo eri morta. É un dolore incommensurabile, indescrivibile, che porterò con me per tutta la vita. Camilla e Gaia saranno sempre nei nostri cuori. É una cicatrice che durerà per sempre“. Così Giorgia, un’amica di Gaia e Camilla, dal microfono della chiesa del Preziosissimo Sangue di Nostro Signore, a Roma, al termine dei funerali delle due 16enni travolte e uccise da un’auto il 22 dicembre su Corso Francia.

A dare lettura a un ultimo messaggio per Gaia e Camilla è stata la sorella di Camilla che ha detto ai microfoni della chiesa: “Oggi le nostre notti sono la cosa peggiore della giornata. Tempo fa avevi chiesto a tavola, quale fosse il senso della vita. Oggi una risposta ce l’ho: il senso della mia vita sei tu”.

LEGGI ANCHE: Tragedia a Roma, due ragazze di 16 anni investite e uccise a Ponte Milvio

NEGOZI VIA FLAMINIA ABBASSANO SERRANDE

Serrande abbassate nei negozi in via Flaminia, nel cuore del quartiere Fleming di Roma, dove hanno sfilato i carri funebri con i feretri di Gaia e Camilla. Le bare delle due giovani sono passate tra due ali di folla, tra cui tanti giovani in lacrime che applaudivano. Decine le corone di fiori, quasi tutte bianche, che parenti e amici hanno portato per omaggiare le due 16enni travolte e uccise il 22 dicembre su Corso Francia. Terminata la funzione, via Flaminia, che era stata temporaneamente chiusa al traffico, é stata riaperta.

PIETRO GENOVESE AGLI ARRESTI DOMICILIARI

È da ieri agli arresti domiciliari con l’accusa di omicidio stradale plurimo Pietro Genovese, figlio 20enne del regista Paolo, per l’investimento a corso Francia che ha causato nella notte dello scorso sabato la morte di Gaia Von Freymann e Camilla Romagnoli. Dopo il nulla osta temporaneo concessogli dal pm per passare il Natale in famiglia, dalla serata di ieri si trova ora in regime di arresti domiciliari nella sua casa a Roma su decisione del Gip. Oggi i funerali di Gaia e Camilla nella parrocchia del Preziosissimo Sangue di Nostro Signore, in via Flaminia Vecchia.

LEGGI ANCHE:

16enni investite a Roma, domani i funerali di Gaia e Camilla

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

27 Dicembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»