Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Manovra, Ufficio Parlamentare di Bilancio: “Pressione fiscale aumenta di mezzo punto di Pil”

ROMA - C'è "un aumento di mezzo punto" della pressione fiscale. Lo annuncia il presidente dell'Ufficio parlamentare di Bilancio, Antonio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – C’è “un aumento di mezzo punto” della pressione fiscale. Lo annuncia il presidente dell’Ufficio parlamentare di Bilancio, Antonio Pisauro, nel corso dell’audizione in commissione Bilancio, rispondendo alle domande dei parlamentari.

“Nel 2019 aumenta la pressione fiscale- spiega- Abbiamo fatto un calcolo prendendo per buone tutte le entrate e nell’insieme rispetto al 42 del 2018 si va al 42,4 del 2019”. Negli anni successivi la pressione fiscale si attesta al 42,8 e poi al 42,5.

“Sono numeri che non ho dato nella relazione perché vanno un po’ verificati- insiste- il messaggio sostanziale in termini economici è che c’è un leggero aumento di mezzo punto che poi rimane stabile”.

UPB: SOSTENIBILITÀ A RISCHIO,DIFFICILE COMPENSARE IVA NEL 2021

“La sostenibilità” della manovra è “a rischio”. Ci sono “quasi 29 miliardi nel 2021” di aumenti Iva come clausole di salvaguardia, “difficile immaginare che si possano compensare con tagli alle spese”. Lo dice il presidente dell’Ufficio parlamentare di Bilancio, Antonio Pisauro, nel corso dell’audizione in commissione Bilancio.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»