Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Ius Soli, Cuperlo: “Pd prenda oggi l’iniziativa, non deve finire così”

[caption id="attachment_4158" align="aligncenter" width="700"] G. Cuperlo[/caption] ROMA - "Non puo'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
G. Cuperlo

ROMA – “Non puo’ e non deve finire cosi’. Con una conclusione che mortifica le ragioni del diritto e della democrazia. Quegli scranni vuoti al Senato nell’ultimo giorno utile, la fuga dei senatori 5 Stelle, quel brindisi leghista, il dispiacere profondo per quelle assenze di parlamentari del Pd, sono una immagine da cancellare. Per la loro sensibilita’ a questa battaglia io dico che adesso e’ il momento giusto perche’ il capo del Governo e il segretario del Partito Democratico chiedano al presidente Mattarella di prolungare la legislatura di pochi giorni”. Cosi’ in una nota il deputato del Pd, Gianni Cuperlo.

LEGGI ANCHE: Ius Soli, Manconi: “Vicenda tra il grottesco e l’indegno”

“Cio’ consentirebbe di riconvocare l’Aula di Palazzo Madama alla ripresa- suggerisce Cuperlo- cosi’ da poter discutere e votare una legge giusta e di civilta’. Una legge attesa da 800.000 ragazze e ragazzi che rischiamo di mortificare e deludere ancora una volta. A quel punto tutti si assumeranno la loro responsabilita’ dinanzi al Paese. In questi mesi molti – da ultimo con l’appello promosso dalla vice presidente del Pd e sottoscritto da oltre 400 tra amministratori, parlamentari, esponenti delle associazioni – hanno chiesto che la legge sullo ius soli non divenisse materia di campagna elettorale. L’ultima flebile speranza ancora resiste. Non lasciamola cadere”, termina Cuperlo.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»