Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Natale, Coldiretti: “Al via riciclo regali per 1 italiano su 4”

v
ROMA - Quasi un italiano su quattro
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print


ROMA – Quasi un italiano su quattro (24%) che ha ricevuto regali di Natale ricicla quelli indesiderati. E’ quanto emerge da una analisi Coldiretti/Ixe’ che evidenzia l’affermarsi di una nuova tendenza tra gli italiani. La grande maggioranza degli Italiani che ricicla lo fa a favore di parenti e amici che possono apprezzare l’oggetto ricevuto in dono mentre – sottolinea la Coldiretti – una buona percentuale di pragmatici (30 per cento) li restituisce al negozio cambiandoli o chiedendo un buono mentre il 29 per cento li rivende su internet.

I prodotti con il minor tasso di “riciclo” sono quelli dell’enogastronomia per i quali – continua la Coldiretti – si trova sempre l’occasione di consumo mentre piu’ a rischio sono i capi di abbigliamento, i prodotti per la casa o quelli tecnologici. Si tratta di un business rilevante se si considera che le famiglie italiane hanno scartato sotto l’albero regali di Natale per un valore stimabile in 4,6 miliardi tra grandi e piccini mentre appena il 18% degli Italiani non ha ricevuto quest’anno neanche un regalo.

Abbigliamento ed accessori, prodotti alimentari e giocattoli salgono nell’ordine – conclude la Coldiretti – sul podio dei regali piu’ gettonati insieme a libri e musica.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»