Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Pnrr, Epasa-Itaco: “Patronati tra i protagonisti della costruzione di un nuovo patto”

epasa itaco
Se ne è parlato a ‘Futuri e umani. Riconoscere e cucire i bisogni per generare nuove opportunità individuali e collettive’, l’evento che ha celebrato mezzo secolo di attività del Patronato Epasa-Itaco
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Costruire un nuovo patto sociale guardando insieme al futuro che il Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) si appresta a disegnare. Questo il leit motiv di ‘Futuri e umani. Riconoscere e cucire i bisogni per generare nuove opportunità individuali e collettive’, l’evento online che questa mattina ha celebrato mezzo secolo di attività del Patronato Epasa-Itaco. Un’iniziativa che è partita da un assunto: è un mondo magmatico, prossimo all’esplosione, quello a cui il PNRR si propone di dare risposte convincenti cominciando a rivoluzionare completamente la rete della protezione sociale novecentesca. Una rete in cui i Patronati hanno svolto, nell’ultimo cinquantennio, un ruolo decisivo nel riconoscimento dei diritti ai cittadini, lavoratori, genitori, pensionati, immigrati.

“La crisi pandemica ha rotto definitivamente il patto sociale, ora bisogna scriverne uno nuovo e noi vogliamo essere tra quei soggetti che lavoreranno per costruirlo più equo, più sostenibile, più inclusivo, in una parola: giusto. Vogliamo fornire il nostro contributo sottolineando che quando progettiamo il futuro dobbiamo farlo resistente e resiliente”, ha sottolineato Valter Marani, direttore del Patronato. “Oggi certamente è cambiato il mondo e nella nuova società il welfare è uno strumento determinante- ha detto ancora Marani- In questo anno di pandemia, come Patronato, abbiamo fatto un lavoro straordinario. L’Italia intera si è presentata ai nostri uffici e abbiamo visto un Paese insicuro, incerto, che aveva bisogno di capire cosa stesse succedendo. Quando gli uffici pubblici erano chiusi noi siamo rimasti in trincea. Questo- evidenzia il direttore Epasa-Itaco- dimostra che c’è un’Italia che funziona e i Patronati ci sono dentro, l’hanno dimostrato nei fatti quando è stato il momento”.

Il riconoscimento al ruolo del Patronato è arrivato anche dal ministro del Lavoro e delle politiche sociali, Andrea Orlando, che in un messaggio inviato nel corso dell’evento ha sottolineato come i 50 anni Epasa-Itaco siano “un traguardo importante ma non un punto di arrivo. La pandemia- ha detto il ministro- ha evidenziato quanto sia importante per una comunità avere un welfare pubblico e interlocutori sociali radicati, ora dobbiamo proseguire nella strada della crescita. Il Pnrr è la sfida principale che abbiamo davanti”.

L’evento è stato anche l‘occasione per presentare una ricerca svolta in collaborazione con ‘La Sapienza’ università di Roma, condotta dal sociologo del welfare, Andrea Ciarini, che ha analizzato come le risorse e le azioni del Pnrr andranno a modificare il sistema produttivo e il contesto sociale ponendo le premesse per un nuovo welfare italiano.
“Il modello sociale del PNRR è di tipo produttivo in due direzioni- ha spiegato Ciarini- per prima cosa si punta a investire risorse significative su formazione e istruzione, sin dalla prima infanzia”. In sostanza si punta a “rendere produttiva la spesa sociale”, ha detto il sociologo. Per seconda cosa “si punta a mobilitare risorse ingenti sull’infrastrutturazione sociale- dunque- a produrre anche direttamente impatti economici produttivi e occupazionali”. Ciarini ha, però, sottolineato come non basta “programmare stanziamenti di risorse, questi stanziamenti devono poi trasformarsi nella messa a terra delle risorse”. E tra i driver di investimento c’è di certo la digitalizzazione “una grande occasione di riorganizzazione strategica per la pubblica amministrazione”.

Parlando di digitalizzazione bisogna stare attenti “ai rischi che comporta la disentermediazione-ossia- la funzione di mediazione istituzionale dei Patronati rischia di essere disintermediata rispetto a un patto tecnologico che dà al cittadino la possibilità di accedere direttamente ai servizi- spiega il sociologo del welfare, Andrea Ciarini- Ma bisogna tener presente che non basta investire risorse per digitalizzare, i cittadini dentro a reti complesse hanno comunque bisogno di orientamento e accompagnamento”. È in questo contesto che il ruolo del Patronato, attraverso la presenza capillare sul territori, è anche quello di “reintermediare quello che la tecnologia disintermedia”. In sostanza i Patronati sono “sentinelle con la capacità di mappare i bisogni dei cittadini”.

Nel contesto dello sguardo verso il futuro l’economista Patrizia Luongo, ricercatrice del Forum Disuguaglianze Diversità, ha sottolineato come nel PNRR si parli molto di lavoro ma poco di qualità. “Uno degli obiettivi del Piano è quello di far crescere l’occupazione delle donne, dei giovani e delle categorie marginalizzate. Ma- evidenzia Luongo- bisogna qualificare il tipo di crescita che si vuole perché creare lavoro non stabile significa non creare le condizioni per una società resiliente quindi in grado di reagire agli shock. La prevalenza dei contratti a termine genera, infatti, insicurezza”. Dunque “se la rete di ammortizzatori sociali durante la pandemia ha in qualche modo ha retto, ora- dice l’economista- non abbiamo un disegno che risponde alle esigenze attuali. In pandemia il governo ha dovuto rincorrere le varie emergenze, quindi inventare nuovi strumenti che andassero via via a rispondere alle necessità. In una situazione di emergenza va bene correre ai ripari ma se stiamo immaginando di ridisegnare il patto sociale e teniamo conto di tutti i cambiamenti, allora dobbiamo immaginare che gli investimenti vadano a incidere non solo su crescita economica e creazione posti di lavoro ma anche sulla qualità”.

L’incontro, moderato dalla giornalista Marianna Aprile, ha poi presentato una carrellata di interventi di opinion leader, changemaker e intellettuali attivi nel mondo del welfare e che hanno sperimentato in prima persona soluzioni innovative nate dai nuovi bisogni già vivi nella società. Tra questi ad esempio Giuseppe Savino, creatore di ‘Vazapp‘, il primo hub rurale del territorio pugliese pensato per creare una comunità con l’obiettivo di rilanciare il settore agricolo attraverso un percorso di innovazione sociale, favorendo le relazioni in agricoltura per lo sviluppo di idee e di attività imprenditoriali. In sostanza far incontrare tra di loro persone che amano la propria terra e che vogliono restare a viverci e farla crescere.

A chiudere le celebrazioni l’intervento di Daniele Vaccarino, presidente Cna nazionale che ha sottolineato come il cinquantenario Epasa-Itaco sia celebrato “in un’ottica di previsone dei prossimi 50 anni. Questa giornata- ha detto Vaccarino- è l’inizio di un percorso che prevede un lavoro enorme per tutti noi. Abbiamo di fronte un futuro nel quale dobbiamo essere protagonisti, un futuro sociale che deve renderci orgogliosi di esserci”.

PNRR, CNA: “IN ITALIA NON C’È UN PROBLEMA DI RISORSE MA SERVE CAPACITÀ DI SPESA”

“Oggi, per la prima volta, con il Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) in Italia non c’è un problema di risorse. Bisogna però avere capacità di spesa, ossia non di spendere ‘bene’, come retoricamente si potrebbe dire, ma di effettuare delle spese che possano avere un grande vantaggio per il futuro della nostra economia”. A sottolinearlo è Daniele Vaccarino, presidente nazionale Cna, a margine dell’evento ‘Futuri e umani. Riconoscere e cucire i bisogni per generare nuove opportunità individuali e collettive’, organizzato per celebrare il cinquantenario del Patronato Epasa-Itaco. “Il PNRR è molto ambizioso- evidenzia Vaccarino- le risorse che avremo a disposizione sono altissime, la capacità di spesa da parte del nostro Paese, invece, è ancora tutta da verificare. Dunque- sottolinea- se non sapremo cogliere le opportunità che l’Europa ci ha dato attraverso un cambio di orientamento e passando da una politica molto espansiva, allora rischiamo di non prendere il carro della crescita. L’Italia- continua- ha dimostrato di essere in grado di farlo ed è la prima nazione europea ad essersi ripresa con più vigore: l’export tira, le imprese hanno ricominciato a lavorare e il sistema delle pmi ha dimostrato tutta la sua capacità, l’elasticità di cogliere le nuove opportunità”. La pandemia “è stata un evento drammatico imprevisto- sottolinea Daniele Vaccarino, presidente nazionale Cna- ma al tempo stesso è stata un grande acceleratore di novità che si stanno già verificando ma che vedremo ancora di più nel futuro: una trasformazione complessiva del metodo del lavoro, del metodo di vivere, della società che cambia, con tutte le problematiche sociali che questo vuol dire”. Per Vaccarino bisogna tenere conto “che siamo una società che invecchia e quindi servono strumenti nuovi per permettere alle persone di vivere una vita dignitosa”. In questo contesto i cinquant’anni Epasa-Itaco “sono la dimostrazione di quanto i Patronati siano stati fondamentali in questo periodo e in quello scorso ma soprattutto saranno nuovamente fondamentali in un’integrazione della società e dei rapporti tra sociale, lavoro e famiglia. Questo è il nuovo ruolo, un ruolo anche da inventare. Il Patronato- conclude Vaccarino- è un ente di cui non si potrà fare a meno anche in futuro ma lo stesso Patronato non potrà più essere quello che è stato in passato. Ci sono delle trasformazioni in atto che necessitano di studiare e approfondire tematiche che possano ricucire la società. Senza enti, istituzioni che rappresentino questa unificazione, le società del futuro potranno essere molto in difficoltà”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»