Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

La scrittrice Suad Amiry: “Questo è il momento per progettare uno Stato di Palestina”

L'autrice di 'Storia di un abito inglese e di una mucca ebrea’ sottolinea come l'uscita di scena di Trump sia ideale per mettere fine ai suoi accordi con Israele
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Questa è la congiuntura storica perfetta per rilanciare il progetto di uno Stato di Palestina, deviando dal percorso politico aperto da Trump”. Suad Amiry, architetto e scrittrice palestinese, nota in Italia con quasi dieci pubblicazioni, dialoga con l’agenzia Dire a pochi giorni da una Conferenza ad Assisi per il “riconoscimento dello Stato di Palestina”. Amiry, una delle personalità internazionali che sostengono l’iniziativa, osserva che “finalmente Trump sta uscendo di scena, lasciandosi dietro le macerie dei suoi accordi con Israele che stanno facendo soffrire così tanti palestinesi”. La scrittrice continua: “Quello che non è chiaro è che a Israele normalizzare i rapporti con Paesi come Emirati o Bahrein non serve a niente: solo la pace coi palestinesi sarà veramente utile al suo futuro, al nostro futuro”.

LEGGI ANCHE: Israele blocca i visti, funzionari Onu via dalla Palestina

Amiry, 69 anni, è solita trascorrere tre mesi nella provincia di Todi perché, spiega, “mi sento italiana e vengo qui per scrivere”. “I palestinesi- continua- soffrono anche una profonda indifferenza: fino a una ventina d’anni fa, soprattutto da parte degli italiani, c’era un grande sostegno per i loro diritti. Oggi invece le nuove generazioni in tutto il mondo devono affrontare così tante difficoltà quotidiane che non hanno più tempo da dedicare a cause internazionali. Eppure mai come oggi la Palestina ha bisogno di sostegno, in particolare dall’Italia”.

AMIRY: “TRUMP HA  APPOGGIATO L’APARTHEID CONTRO I PALESTINESI”

In cima alla lista delle “violazioni”, la scrittrice cita la questione degli insediamenti illegali. “Con l’Accordo del secolo Trump ha offerto ad Israele di annettere il 30 per cento della Cisgiordania” denuncia. “Pochi giorni fa invece, durante la sua visita, il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha raddoppiato l’offerta al 60 per cento, includendo tutta la ‘Zona C'”. Si tratta dell’area definita negli Accordi di Oslo, posta sotto il controllo militare israeliano, quella dove si trova la maggior parte degli insediamenti dei coloni israeliani illegali ai sensi del diritto internazionale. “I palestinesi sono disperati” dice Amiry. “Trump ha seppellito la possibilità di creare due Stati e ha apertamente dato appoggio all’estrema destra israeliana e all’apartheid contro i palestinesi“. Secondo la scrittrice, l’elezione di Joe Biden “rende moderatamente ottimisti”, perché “almeno lui è contrario agli insediamenti”.

suad amiry scrittrice palestina

Convinta che “nessuna occupazione dura per sempre, come dimostra la storia dell’Africa”, la scrittrice chiede “più dialogo, coinvolgendo anche i gruppi che in Israele sono favorevoli alla soluzione dei due Stati e che resistono a un modello di società più autoritaria, ortodossa e razzista”. E se è vero che il segreto della pace sta nel dialogo, bisogna pure “conoscere la Palestina”. Questo il fulcro dell’ultimo romanzo di Amiry, ‘Storia di un abito inglese e di una mucca ebrea’ (Mondadori, 2020), “dedicato a Giaffa, la città di mio padre”. “All’indomani della guerra del 1948- ricorda Amiry- la mia famiglia è stata costretta a lasciare tutto e partire. Sono cresciuta da profuga in Giordania sognando Giaffa. Lo sapevate che aveva due nomi? ‘Sposa del mare’ perché era molto bella, e ‘madre degli stranieri’ perché era aperta a tutti i popoli, le fedi e le culture”.

LEGGI ANCHE: Medio Oriente, Reeves (Peace Now): “Ma ora Israele dialoghi con i palestinesi”

Il libro racconta la storia d’amore tra due adolescenti, ma “attraverso i loro occhi conosciamo la città, prima e dopo la guerra del ’48”. La conferenza di Assisi, che ha ottenuto il patrocinio della città umbra, è ospitata dalla comunità Pro-Civitate Christiana. Gli accessi saranno garantiti fino ad esaurimento posti nel rispetto delle norme anti-Covid-19. Sarà comunque possibile seguire i lavori sulla piattaforma Zoom.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»