Prescrizione e ‘Spazzacorrotti’, il focus a Unicusano

'Tempo e diritti soggettivi dopo la legge Spazzacorrotti', organizzato nella sede di Roma dell'ateneo dal professor Giovanni D'Alessandro
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Una lente d’ingrandimento sulle nuove misure per il contrasto dei reati contro la pubblica amministrazione, le norme sulla prescrizione e sulla trasparenza dei partiti e movimenti politici. In sintesi, sulla legge ‘Spazzacorrotti’ che entrera’ in vigore tra poche settimane.

Questo e’ stato il tema al centro dell’incontro all’Universita’ Niccolo’ Cusano dal titolo ‘Tempo e diritti soggettivi dopo la legge Spazzacorrotti’, organizzato nella sede di Roma dell’ateneo dal professor Giovanni D’Alessandro, coordinatore del Dottorato di ricerca in ‘Law and Cognitive Neuroscience’.

“Il diritto si deve occupare di cio’ che accade nella societa’- ha detto D’Alessandro- e l’universita’ deve fare sentire la propria voce su questioni che sono all’ordine del giorno. Oggi si parla dell’imminente entrata in vigore della nuova disciplina sulla prescrizione introdotta con un emendamento alla ‘Spazzacorrotti’. Ecco quindi l’occasione per un dibattito con illustri relatori”, cui hanno partecipato Raffaello Magi, consigliere della Corte Suprema di Cassazione e la professoressa Daniela Chinnici, dell’Universito’ di Palermo.

Il primo si e’ soffermato sulla questione dell’equiparazione dei delitti di pubblica amministrazione a quelli di criminalita’ organizzata: “A nostro avviso- ha detto Magi- non si puo’ trattare allo stesso modo l’autore di un delitto di peculato rispetto a uno stragista o a un mafioso. Ferma restando l’esistenza di una necessita’ obiettiva di contrasto alla criminalita’ in campo economico e amministrativo, questo tipo di sanzioni presta il fianco a delle critiche”.

Sul tema della prescrizione, invece, e’ intervenuta la professoressa Chinnici: “Con la ‘Spazzacorrotti’- ha detto- sostanzialmente dal primo gennaio 2020 la prescrizione viene cancellata. Dopo la sentenza di primo grado il processo non si prescrive piu’. Sara’ gravissimo. Significa che le persone saranno imputate sine die. Non si potra’ sapere quando una persona avra’ un processo passato in giudicato. Non ci sara’ piu’ la certezza del diritto. La legge e’ irragionevole, fatta per rispondere alle ansie di sicurezza delle persone”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»