Roger Waters a Napoli nel 2021, anche l’ex Pink Floyd sogna di suonare a Piazza del Plebiscito

Lo ha annunciato il manager italiano di Paul McCartney Mimmo D’Alessandro, presentando il concerto dell’ex Beatles previsto il 10 giugno
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “C’è un’altra leggenda che vuole suonare a Napoli, in piazza del Plebiscito. E’ Roger Waters”. Lo ha annunciato il manager italiano di Paul McCartney Mimmo D’Alessandro, presentando il concerto dell’ex Beatles il 10 giugno a Napoli.

Il sindaco Luigi de Magistris ha spiegato di apprezzare questo annuncio “perché Napoli – ha detto – accresce giorno dopo giorno la sua attrattività mondiale. Ci sono già due iniziative internazionali per cui ci siamo candidati il prossimo anno. I dati sul turismo e l’attrattività sono sorprendenti, siamo al vertice in Europa e la nostra città deve essere all’altezza di stare al top”. Tra gli eventi dedicati alla musica internazionale ci sarà anche il Maggio dei Monumenti 2020.

“La nostra idea – ha spiegato l’assessore comunale alla Cultura Eleonora de Majo – è che un evento come il concerto di McCartney non duri 24 ore, ma si costruisca un percorso per inserire Napoli in un trend internazionale. L’obiettivo è anche quello di portare l’industria musicale nella nostra città”. Inoltre “stiamo pensando – ha confermato il sindaco – di accompagnare il concerto di Paul McCartney del 10 giugno con una serie di tappe del Maggio dei Monumenti. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»