Imprese, Liberisti Italiani: “Le più tassate del mondo, questa è la vera emergenza”

“La Banca Mondiale conferma quel che noi diciamo da molti anni inascoltati come Sos partita Iva"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “La Banca Mondiale conferma quel che noi diciamo da molti anni inascoltati come Sos partita Iva: l’Italia è un inferno fiscale e uno Stato anti-impresa che mortifica la creatività imprenditoriale degli italiani, sopprime le libertà economiche e lede i diritti dei contribuenti, per questo siamo in campo per la costruzione del movimento politico Liberisti Italiani”. Così il presidente di Sos partita Iva e fondatore del movimento politico Liberisti Italiani, Andrea Bernaudo, parlando del report realizzato da Banca Mondiale e PwC ‘Paying Taxes 2020’ che conferma l’Italia primo in classifica nel mondo per pressione fiscale e contributiva sulle attività produttive.

“Secondo Banca Mondiale il ‘total tax and contribution rate’ è al 59%, e non si tiene conto del costo più alto di energia, carburante e burocrazia, quindi il dato complessivo della pressione fiscale diretta ed indiretta sommata ai contributi è – su chi rischia e produce – ancora più alto del già folle 59% decretato dal report di Banca Mondiale. Non ci sono altre priorità, questa è la vera e prima emergenza in Italia. Ultimi in classifica sulle libertà economiche, primi nel mondo per pressione fiscale, così affondiamo. Eppure se accendi la tv i problemi sembrano altri e anzi sembra che l’emergenza sia l’evasione fiscale. Oramai- continua Bernaudo- a smontare la propaganda statalista ci sono i numeri. Il gettito e la pressione fiscale sulle imprese crescono costantemente, e cresce, anziché diminuire parallelamente anche il debito e la spesa pubblica. Solo il Pil è inchiodato. Questo governo e quelli che lo hanno preceduto e tutti i partiti politici mainstream ci hanno portato sull’orlo del baratro, zavorrano l’economia reale, limitano quindi il benessere dei cittadini/contribuenti, piombano il Paese e le sue prospettive, il suo futuro”.

“Serve un’alternativa politica e culturale, un’altra vision. Noi ci vedremo a Roma il 15 febbraio per fondare i Liberisti Italiani, perché questo Paese ha innanzitutto bisogno di essere liberato dalla cappa statalista e tassaiola che lo opprime e si può fare solo con una cura liberista intransigente, presto presenteremo il programma che stiamo scrivendo con professionisti, imprese e mondo accademico” conclude Bernaudo.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»