VIDEO | Civitavecchia, i contestatori a Salvini: “Vuole l’inceneritore perché ha le azioni della società”

Sotto la sede del Comune si fronteggiano 'Bella ciao' e l'inno di Mameli
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Una contestazione contro Matteo Salvini non solo come figura politica, ma soprattutto perché sostenitore dei termovalorizzatori. E proprio Civitavecchia rischia di vedere realizzato questo tipo di impianto di rifiuti a due passi dai suoi confini, nel comune di Tarquinia. Il progetto è stato presentato dall’azienda lombarda A2A, di cui si vocifera proprio Salvini avrebbe delle quote. Da qui le urla e i cori contro il leader leghista durante il suo comizio nella città portuale, e nel mirino c’e’ anche il sindaco Ernesto Tedesco: “Un sindaco totalmente inerte, che non fa nulla e Salvini ci porta a questo- ha spiegato una signora brandendo il cartello ‘No all’inceneritore’- perché lui ha le azioni della società che sta mettendo l’inceneritore a Tarquinia. Noi lo contestiamo anche per questo e i cittadini civitavecchiesi se ne stanno accorgendo. In sei mesi questa Giunta non ha fatto nulla, sei mesi di inerzia, è cresciuta una montagna a ridosso del mare e non hanno fatto niente. Non hanno un progetto, non hanno un’idea e adesso chiamano Salvini a risolvere questa questione dei rifiuti?”.

SOTTO LA SEDE DEL COMUNE SI FRONTEGGIANO ‘BELLA CIAO’ E INNO MAMELI

‘Bella Ciao’ contro l’inno di Mameli. Il duello canoro è andato in scena sotto il Municipio di Civitavecchia dove, appena dopo l’uscita di Matteo Salvini, si sono fronteggiati una trentina di antileghisti e quasi altrettanti supporter dell’ex vicepresidente del Consiglio. A dividerli un piccolo cordone della polizia, che inizialmente ha sbarrato la strada a chi voleva inseguire Salvini che stava andando via, dopo avere partecipato a un incontro pubblico nel Municipio della città portuale. Sventato il pericolo di un ‘contatto’ tra il leader leghista e i suoi contestatori, a questi ultimi non è rimasto altro che urlargli contro ‘Bella Ciao’. Ma a quel canto partigiano subito i sostenitori di Salvini hanno replicato intonando, a distanza ravvicinata, le note dell’inno di Mameli. Tra le due parti nessuno scontro, solo la curiosa contrapposizione di due ‘testi’ che non dovrebbero essere appannaggio di alcuna parte politica.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»