Vinciguerra (ministero Difesa): “L’uguaglianza di genere è un problema di sicurezza”

Lo ha dichiarato all'agenzia Dire Rosa Vinciguerra a margine del convegno 'Insieme contro la violenza di genere'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “L’uguaglianza di genere è un problema di sicurezza, perché garantisce la stabilità degli Stati, aiuta soprattutto gli Stati in condizioni fragili a stare meglio. Riuscire a favorire l’uguaglianza di genere è il nostro compito, sia nelle missioni di pace che nell’ambito organizzativo”. Lo ha dichiarato all’agenzia Dire Rosa Vinciguerra, rappresentante del Ministero della Difesa al Comitato tecnico di supporto sul fenomeno della violenza, a margine del convegno ‘Insieme contro la violenza di genere’, che si e’ svolto oggi presso il Centro Alti Studi per la Difesa di Roma.

“La difesa organizza dei corsi per tutto il personale militare e civile quindi per l’esercito, la Marina, l’aeronautica e i carabinieri. Vengono svolti dei moduli di formazione, dalle scuole militari fino alla formazione degli Ufficiali dirigenti, per sensibilizzare sulle tematiche di genere. Attività formative che provano a trasmettere i contenuti anche delle normative internazionali, perché le Nazioni unite e l’Unione europea danno delle indicazioni su come comportarsi, soprattutto alle Difese dei vari Paesi, nelle missioni operative per sviluppare le potenzialità delle donne delle popolazioni locali”, ha aggiunto.

Condividi l’articolo:

:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»