Berlusconi: “Voto no, sennò Renzi padrone dell’Italia”

Intervistato a Domenica Live, Berlusconi si dichiara anche disponibile a "sedersi allo stesso tavolo" di Renzi in caso di vittoria del no
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

berlusconi_domenica_liveROMA – Renzi ha messo “insieme la riforma della Costituzione e una riforma elettorale, si e’ cucito un abito su misura per se’ e per il suo partito. Un unico uomo, lui, avrebbe in mano Senato, Camera, Corte costituzionale. Sarebbe il padrone dell’Italia e degli italiani”, dice Silvio Berlusconi a Domenica Live. “Non e’ possibile- aggiunge l’ex premier- perche’ contrasta la democrazia. E ci sarebbe al governo una maggioranza diversa da quella che c’e’ nel paese”.

Se vincesse il no, Silvio Berlusconi sarebbe disponibile a sedersi al tavolo con Matteo Renzi? “Io lo spero proprio perche’ e’ quello da fare. Ci dobbiamo sedere con tutte le forze nel nostro Paese per fare una legge elettorale”,

La riforma costituzionale oggetto del referendum “e’ contro la democrazia. E’ illegittima, incostituzionale, inaccettabile”, sottolinea Berlusconi.  “Renzi e’ il terzo presidente del consiglio che non e’ stato eletto. L’ultimo eletto sono stato io”, aggiunge Berlusconi.

“SE NON SI CHIUDE COI CINESI, IO DI NUOVO A CAPO DEL MILAN”

“Privarmi del Milan e’ un grande sacrificio. Vorra’ dire che se questi capitalisti cinesi non dovessero concludere la negoziazione, non possiamo lasciarlo senza nessuno. Dovro’ reinteressarmene, ma ho in programma un nuovo progetto, con tutti giocatori italiani molto molto giovani”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»