Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

I Negramaro a Roma: la rivoluzione è arrivata

In migliaia ieri sera hanno riempito il Palalottomatica in occasione del primo dei tre live che la band pugliese ha in programma nella Capitale. Quello dei Negramaro è stato un vero e proprio omaggio alla musica e a tutti coloro che sono accorsi per cantare insieme, vecchi e nuovi successi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
negramaroROMA –  In migliaia ieri sera hanno riempito il Palalottomatica in occasione del primo dei tre live che la band pugliese ha in programma nella Capitale.
Quello dei Negramaro è stato un vero e proprio omaggio alla musica e a tutti coloro che sono accorsi per cantare insieme, vecchi e nuovi successi.

Giuliano e compagni, hanno offerto al pubblico due ore di grande divertimento, alternando magistralmente momenti di puro rock ad alta energia, a brani più intimi e intensi. Dopo aver aperto con “Sei tu la mia città”, i Negramaro hanno proposto ai presenti alcuni brani del nuovo album “La rivoluzione sta arrivando” per poi fare un passo indietro nel tempo e tornare a cantare successi come “Sei”, “Parlami d’amore” e “Mentre tutto scorre”.

Le parole e i testi delle canzoni cambiavano ma il coro del Palalottomatica era sempre quello: unico e forte, pronto a rispondere ad ogni chiamata di Giuliano Sangiorgi. Un successo totale e trasversale che ha coinvolto gente di tutte le età, pronto a ripetersi anche questa sera e domenica 29.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»