Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tg Politico Parlamentare, edizione del 27 ottobre 2021

I titoli e il tg politico parlamentare della Dire
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

STOP AL DDL ZAN, FERMATA LA LEGGE CONTRO L’OMOTRANSFOBIA

Si arena il disegno di legge Zan, la norma contro l’omotransfobia, affossata dal voto di 154 senatori. Solo 131 i voti a favore a Palazzo Madama. La legge era stata approvata alla Camera, ma ora lo stop del Senato obblighera’ a cominciare tutto daccapo. A meno che non si realizzi un accordo tra i partiti e i lavori parlamentari riprendano a ritmo spedito, visto che la legislatura e’ nella sua parte terminale. Nel centrosinistra e’ partito lo scambio di accuse, con Italia Viva contro il Pd, reo di aver voluto il voto senza dimostrare una reale apertura. Ma anche i democratici attaccano i renziani, accusati di aver votato con la destra e di aver tradito un patto politico, come dice il firmatario della legge Alessandro Zan. Per Matteo Salvini e’ stata punita l’arroganza di Letta e del Movimento Cinque Stelle.

TENSIONI SU PENSIONI E FISCO, DOMANI LA MANOVRA

Il cantiere della manovra continua a generare tensioni dentro il governo. Da una parte, il premier Mario Draghi tratta con Lega e Pd per arrivare a un’intesa sul superamento di Quota 100 e sull’estensione dell’Ape sociale per i lavori usuranti, oltre che sul rinnovo di Opzione Donna. Dall’altra, il presidente del Consiglio deve dire addio al patto con le parti sociali. Con i sindacati, infatti, è rottura. Cgil, Cisl e Uil minacciano la mobilitazione perchè delusi dalla riforma delle pensioni. Palazzo Chigi non rinuncia al ritorno della Fornero: l’unica mediazione può essere il meccanismo delle Quote per alleggerire lo scalone a 67 anni nel 2024. Sul fisco i partiti continuano a litigare: ci sono 8 miliardi da ripartire per alleggerire il carico a lavoratori e imprese. Il governo, per superare lo stallo, farà un fondo in manovra, ma come verrà utilizzato sarà deciso in parlamento durante la sessione di bilancio. Via libera a un nuovo decreto Recovery per accelerare i progetti del piano nazionale di ripresa e resilienza, mentre domani un altro Consiglio dei ministri approverà la finanziaria e il ddl Concorrenza.

FIGLIUOLO: OBIETTIVO 90% DI VACCINATI

Una campagna vaccinale senza precedenti, che ha portato in pochi mesi a proteggere oltre 46,5 milioni di italiani, cioe’ piu’ dell’86% della popolazione over 12. Il generale Francesco Paolo Figliuolo, commissario straordinario per l’emergenza Covid, in un videomessaggio al Salone della Giustizia fa il punto sul ‘ritorno alla normalita”, obiettivo in cima all’agenda del governo. Questi dati fanno sì che l’Italia si posizioni ben sopra della media europea, davanti a paesi come Francia, Germania e Regno Unito. Il commissario punta ad arrivare a quota 90%. Intanto prosegue la campagna per la somministrazione della terza dose. A riceverla anche il Papa, che ha 84 anni ed e’ dunque tra le categorie considerate prioritarie.

EUROSTAT: AUMENTANO I RIFIUTI IN PLASTICA

Buttiamo nella spazzatura piu’ di 34 chili di imballaggi di plastica all’anno pro capite, e meno della meta’ vengono riciclati. Sono i dati europei relativi al 2019, pubblicati da Eurostat. In dieci anni il volume di questo genere di rifiuti è cresciuto del 24% per persona. Produciamo cioe’ quasi 7 chili in piu’ di plastica all’anno. Fortunatamente il volume del riciclo di questo particolare rifiuto è salito del 50%. Purtroppo però, la quantità di plastica non riciclata per persona è aumentata di 2,0 kg per abitante dal 2009. Il Paese più virtuoso nel riciclo degli imballaggi di plastica è la Lituania, che riesce a riutilizzare il 70 per cento dei rifiuti.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»