Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

No al ddl Zan, a sinistra è tutti contro tutti. Si apre il caso dem

senato
Dopo il sì alla 'tagliola', Maiorino (M5S) accusa: "Abbiamo lasciato la conduzione al Pd e questo è l'esito". Nel mirino anche Italia Viva. E l'ex ministra Fedeli chiede le dimissioni dei vertici dem in Senato
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Tutti contro tutti nel centrosinistra in Senato dopo il voto dell’Aula che ha accolto la cosiddetta ‘tagliola’, ovvero la richiesta del non passaggio all’esame degli articoli del ddl Zan presentata da Lega e Fratelli d’Italia. Un affossamento in piena regola. I 154 voti che hanno stoppato il disegno di legge contro l’omotransfobia di fatto hanno aperto uno scontro a tutto campo nel centrosinistra.

Difficile risalire ai voti effettivi, dato il voto segreto e l’alto numero di assenti (287 votanti su 315). 154 i senatori favorevoli alla tagliola e 131 i contrari, una differenza di 23 voti. Di questi, 16 – sospettano dalle parti del Pd e del M5s – dovrebbero essere arrivati da Italia Viva, anche se il capogruppo renziano a Palazzo Madama, Davide Faraone, ha preventivamente dichiarato voto contrario alla tagliola.

LEGGI ANCHE: Fedez attacca Renzi: “In Arabia Saudita mentre si affossa Ddl Zan? Gran tempismo”

Sul banco degli imputati c’è anche il Pd, accusato sia da M5S che da Italia Viva. La senatrice grillina Alessandra Maiorino si dice “amareggiata. Abbiamo lasciato la conduzione al Pd e questo è l’esito“, mentre il vicepresidente della Camera, Ettore Rosato, accusa i dem di finta apertura dopo il no al rinvio del voto segreto in Senato: “Significava che le parole di Letta sulla mediazione erano solo spot”.

LEGGI ANCHE: Ddl Zan, Letta e l’inguacchio: contro Renzi il j’accuse caro a Di Pietro

Italia Viva, per bocca di Maria Elena Boschi, inserisce anche il M5S tra i colpevoli: “Sconfitta incredibile per arroganza Pd-M5S“, tuona. Non ci sta il Pd, che replica con le parole del padre del ddl ormai affossato. Secondo Alessandro Zan, Italia Viva “ha tradito il patto politico, le responsabilità sono chiare“.

Il fallimento del ddl apre una frattura anche all’interno dei dem, dove a caldo la senatrice Valeria Fedeli si lascia andare a uno sfogo tanto da chiedere le dimissioni dalla capogruppo e dei vertici in Commissione Giustizia. L’ex titolare del Miur ha poi corretto il tiro, ma senza rinunciare a chiedere “un chiarimento e un confronto franco”. Visibilmente dispiaciuto anche Andrea Marcucci, ex capogruppo dei senatori dem. “Il Pd si interroghi”, dice amareggiato.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»