Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

In Sudan pronta una grande manifestazione contro il golpe

khartoum sudan 2
Dopo le proteste di lunedì sabato ci sarà una nuova grande manifestazione. Negli scontri dei giorni scorsi sono morte sette persone
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – In Sudan gruppi della società civile che si oppongono al colpo di Stato militare che si è verificato lunedì hanno convocato una “grande manifestazione” per sabato. Lo hanno riferito all’agenzia Dire fonti concordanti che preferiscono rimanere anonime per ragioni di sicurezza. La mobilitazione fissata per il fine settimana seguirà quindi di alcuni giorni le proteste che hanno avuto luogo lunedì, scoppiate subito dopo l’arresto del primo ministro Abdalla Hamdok, lo scioglimento del governo e la dichiarazione dello Stato di emergenza da parte del generale Abdel Fattah al-Burhan, fino a quel momento a capo del Consiglio sovrano, pure sciolto dallo stesso militare. Negli scontri tra manifestanti e forze dell’ordine, stando a responsabili del ministero del Salute, hanno perso la vita sette persone, mentre almeno 140 sono rimaste ferite.

LEGGI ANCHE: Sudan, il giorno dopo il golpe pronte nuove proteste. Gli Usa bloccano gli aiuti

Secondo una delle fonti sentite dalla Dire, “è stato anche chiuso l’aeroporto della capitale, sempre fino a sabato”. Quello che aspetta il Sudan quindi, “sono giorni di calma tesa, fino allo scoppio di una nuova tormenta” in concomitanza con le proteste.
Ieri il segretario di Stato americano, Anthony Blinken, ha reso noto di aver parlato al telefono con Hamdok, che ieri è stato rilasciato. A colloquio con il premier, Blinken ha esortato al rilascio di tutti gli altri leader arrestati e ha ribadito il supporto degli Stati Uniti alla transizione sudanese. Le parole di Blinken si aggiungono alle condanne del golpe arrivate nei giorni scorsi dalle Nazioni Unite, l’Unione europea e l’Unione Africana.
Il governo destituito da al-Burhan era il depositario di un mandato di 39 mesi per traghettare il Paese alle elezioni dopo la rivolta popolare e l’intervento dell’esercito che nell’aprile 2019 misero fine ai 30 al potere dell’ex presidente Omar al-Bashir.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»