Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Pensioni, i sindacati pronti alla mobilitazione dopo la rottura con Draghi

Tensione al vertice convocato ieri sera dal Governo, Draghi lascia la riunione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – E’ rottura tra il premier Mario Draghi e i sindacati. Il tavolo convocato ieri sera a Palazzo Chigi per discutere della manovra economica si è concluso con un nulla di fatto, con il presidente del Consiglio che, dopo un’ora e mezza di discussione, ha abbandonato la riunione.

Forte irritazione anche da parte dei sindacati, che annunciano la mobilitazione. Al centro dello scontro le risorse per gli ammortizzatori sociali, giudicate “largamente insufficienti” dalle parti sociali, la riforma delle pensioni e la previsione dell’utilizzo di contratti precari e a termine per portare a termine gli investimenti del Pnrr.

“Mancato confronto e dialogo con il sindacato e le parti sociali”. Cosi’ Luigi Sbarra, numero uno della Cisl, al termine dell’incontro con il premier Mario Draghi. Sbarra esprime “l’assoluta insoddisfazione su questioni poste in maniera precisa. Le risorse sono largamente insufficienti per finanziare una vera grande riforma degli ammortizzatori sociali”, dice. E aggiunge: “E’ sbagliato considerare le pensioni un lusso o una regalia. Nelle prossime ore decideremo unitariamente, alla luce del testo che sarà approvato in cdm, come daremo luogo a una mobilitazione“.

“Accordi non ce ne sono stati”, commenta Maurizio Landini, numero uno della Cgil. “Pretendiamo che gli investimenti necessari” alla crescita “non debbano produrre un lavoro precario”, aggiunge.

SBARRA (CISL): GOVERNO NON PARLATO DI QUOTA 102-104, PRONTI A SCIOPERO

Il governo, ieri sera, non ha parlato nè di Quota 102 nè di Quota 104. Ci ha anticipato e abbiamo apprezzato la proroga dell’Ape sociale, allargata ad altre categorie di lavori usuranti, pesanti e gravosi, ci ha anticipato che prorogherà ancora di un anno Opzione donna ma si è riservato di decidere”. Il segretario della Cisl, Luigi Sbarra, lo dice ad Agorà su Rai Tre.

Con il governo ieri “l’incontro non è andato bene, il nostro giudizio è di grande insoddisfazione” e “abbiamo riscontrato scarso impegno nel metodo, nel confronto”, dice Sbarra. “Sulle pensioni noi abbiamo presentato da cinque mesi al governo una nostra proposta e una nostra piattaforma” per “un confronto su una riforma complessiva e strutturata della previdenza e delle pensioni”, prosegue il segretario della Cisl.

“Il tema va negoziato con il sindacato, non accettiamo assolutamente fughe in avanti, provocazioni, invece serve aprire una discussione per parlare di flessibilità in uscita dal mercato del lavoro”, dice Sbarra, e “dobbiamo negoziare una pensione di garanzia per i giovani condannati al contributivo puro”. Per tutto questo, conclude, “se c’e’ volonta’ politica bastano poche ore per arrivare a soluzioni condivise”, ma “diversamente al sindacato non resta che sostenere le ragioni delle nostre rivendicazioni attraverso le mobilitazioni”. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»