VIDEO | Coronavirus, scontri in piazza del Popolo: la polizia carica i manifestanti

Coinvolte 200 persone di Forza Nuova
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Al grido di “Conte buffone” e “Liberta’, liberta’”, il corteo  contro le misure anti-covid adottate dal Governo Conte di piazza Cavour si è spostato a piazza del Popolo dove alle 19 era prevista un’altra manifestazione. Il corteo di circa 100 persone, guidate dal consigliere della Lega alla Regione Lazio, Daniele Giannini, e’ stato scortato dalla Polizia. La zona era presidiata dagli agenti. Chiuse dai blindati del Reparto Mobile, via del Corso, via Ripetta, via del Babuino.

GLI SCONTI CON FORZA NUOVA

La polizia ha caricato le circa 200 persone di Forza Nuova che stavano manifestando in piazza del Popolo. La tensione è cresciuta quando un blindato della polizia e’ partito da via del Corso verso la piazza accendendo l’idrante sui manifestanti. Contemporaneamente gli agenti in assetto anti sommossa hanno accompagnato la carica. I militanti di Forza Nuova, tra cui Fiore e Castellino, sono corsi verso piazzale Flaminio.

I manifestanti, allontanati dalla carica della polizia, si sono dispersi lungo via Flaminia. Lungo la strada hanno dato fuoco ad alcuni cassonetti. Alcuni sono invece rimasti ai margini di piazza del Popolo, dove e’ salita la tensione tra militanti di Forza Nuova e polizia di fronte allo storico bar Rosati. Al momento la situazione e’ tornata sotto controllo. La piazza e’ quasi deserta, salvo alcuni militanti e le forze dell’ordine. Prima della carica della polizia i manifestanti stavano gridando insulti al governo e a Giuseppe Conte, protestando contro le misure restrittive approvate nell’ultimo dpcm. I partecipanti erano circa 200, tanti giovani e quasi tutti uomini. In molti a volto coperto, non dalla mascherina, ma da passamontagna e sciarpe. Hanno acceso alcuni fumogeni e fatto esplodere delle bombe carta.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

27 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»