Coronavirus, i nuovi contagi sono 21.994. Le vittime salgono a 221

Brusaferro: "I contagi sono risaliti dalla seconda metà di agosto. Bisogna proteggere gli anziani o i morti aumenteranno"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – I nuovi casi di coronavirus in Italia nelle ultime 24 ore sono 21.994, rilevati sulla base di 174.398 tamponi, 221 i deceduti. Il totale dei decessi dall’inizio dell’emergenza e’ di 37.700. Sono invece 1.411 i pazienti ricoverati in terapia intensiva, 127 in più rispetto a ieri. Ieri i contagi nelle 24 ore erano stati 17.012, su 124.686 tamponi, mentre le vittime erano state 141.

“Dalla seconda metà di agosto la curva dei contagi ha cominciato a crescere, prima lentamente, e poi più velocemente, nelle ultime 2-3 settimane”. Così il presidente dell’Istituto superiore di Sanità (ISS) Silvio Brusaferro, in conferenza al ministero della Salute sulla situazione epidemiologica del coronavirus in Italia.

“All’inizio dell’epidemia l’infezione colpiva maggiormente l’età anziana, poi nel periodo di agosto i trentenni, ora l’età mediana è cresciuta e si attesta attorno ai 40 anni“, spiega Brusaferro. “Sono in aumento i casi tra gli anziani. Siccome sono tra quelli col maggiore rischio di complicanze ed esito fatale, è bene proteggerli o purtroppo ci sarà una crescita dei decessi“, riflette Brusaferro.

LEGGI ANCHE: Covid, Osservatorio delle Regioni: “Meno decessi ma più pressione sugli ospedali”

“Se ci sono 20-22 nuovi mila casi al giorno si fa fatica a tracciare poi i casi. E’ difficilmente sostenibile con questi numeri. Sono in aumento i casi di sintomatici e paucisintomatici, è un dato a cui prestiamo molta attenzione“, ha poi aggiunto.

“Il numero dei decessi è ancora relativamente limitato, e così anche quello dell’occupazione delle terapie intensive che sono ancora al di sotto del livello di guardia, anche perchè è stato aumentato il numero dei posti”. Così il direttore generale della Prevenzione del Ministero della Salute, Gianni Rezza, in conferenza sulla situazione epidemiologica del coronavirus in Italia.

IN LOMBARDIA 5.035 NUOVI POSITIVI CON 29.960 TAMPONI (16,8%)

Sono 5.035 (di cui 260 ‘debolmente positivi’ e 26 a seguito di test sierologico) i nuovi positivi in Lombardia con 29.960 tamponi effettuati, per una percentuale pari al 16,8%. Ieri il rapporto tra tamponi e nuovi casi era del 16,7%. I guariti nelle ultime 24 ore sono 418. Salgono i decessi (+58). Crescono ancora i ricoveri: +29 in terapia intensiva, +256 quelli ordinari. La provincia più colpita rimane Milano, anche se i dati di oggi sono più bassi rispetto a quelli di ieri: 1940 i nuovi contagi (di cui 768 in città). Seguono Monza e Brianza (+1.362), Varese (+263), Como (+215), Lecco (+198), Pavia (+188), Brescia (+170), Lodi (+130), Cremona (+128), Sondrio (+107), Mantova (+105), Bergamo (+93).

IN LIGURIA 1.127 NUOVI CASI, DATO PIÙ ALTO DI SEMPRE

Sono 1.127 i nuovi casi di coronavirus registrati in Liguria nelle ultime 24 ore, a fronte di 6.357 tamponi, entrambi dati giornalieri più alti di sempre. L’area metropolitana di Genova continua a essere il territorio più colpito con 877 nuovi contagiati, di cui 479 da attività di screening, 362 contatti di caso, un rientro da viaggio e 35 dal settore sociosanitario. Segue lo spezzino con 130, l’imperiese con 68, il savonese con 25 e il Tigullio con 27. Da inizio pandemia, il totale dei contagiati in Liguria arriva a 24.597, a fronte di 418.646 tamponi.  Continua a crescere la pressione sugli ospedali: nelle ultime 24 ore, i ricoverati covid sono saliti a 882, ovvero 48 in più rispetto a ieri. Diminuiscono, invece, di un’unità le terapie intensive, che restano 45. Nel bollettino di oggi, registrate anche 14 vittime, riferite agli ultimi quattro giorni, con il totale da inizio pandemia che sale a 1.718.

BOOM DI CONTAGI IN CAMPANIA

Tornano a salire i contagi in Campania e si registra un nuovo record di positivi: sono 2.761 nelle ultime 24 ore su 14.781 tamponi. I sintomatici sono 112, 2.649 gli asintomatici. Lo comunica l’unità di crisi della Regione, precisando che 238 casi risultano dallo screening eseguito nel Comune zona rossa di Arzano in provincia di Napoli.  Aumenta anche il numero di deceduti (sono 20, morti tra il 16 e il 26 ottobre ma registrati oggi) e di guariti, 575 nelle ultime 24 ore. Dall’inizio dell’emergenza i casi di Covid-19 segnalati in Campania sono 43.355 su 886.553 tamponi. Sono 9.907 i guariti, 607 i deceduti.

 NEL LAZIO 1.993 NUOVI CASI (ROMA SFONDA I MILLE) E 23 DECESSI

“Su oltre 25mila tamponi (+6.231 rispetto a ieri) nel Lazio si registrano 1.993 casi positivi (+295), 23 decessi e 234 guariti. Migliora leggermente il rapporto tra positivi e i tamponi”. Lo fa sapere l’assessore regionale alla Sanita’, Alessio D’Amato. A Roma sono 1.007 i nuovi casi registrati. Nelle province si registrano 418 casi e sono cinque i decessi. Nella Asl di Latina sono centocinque i nuovi casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso gia’ noto. Si registrano due decessi di 82 e 94 anni con patologie. Nella Asl di Frosinone si registrano centosessantasei nuovi casi e si tratta di casi isolati a domicilio, contatti di un caso gia’ noto o con link familiare. Sedici sono i casi ricoverati. Si registra un decesso di 59 anni con patologie. Nella Asl di Viterbo si registrano centoundici i nuovi casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso gia’ noto. Si registra un decesso di 60 anni con patologie. nella Asl di Rieti si registrano trentasei nuovi casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso gia’ noto. Si registra un decesso di 85 anni con patologie”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

27 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»