A Napoli l’Istituto Sereni lancia una mostra virtuale con le opere dei suoi allievi

Grazie alla realtà virtuale si potranno ammirare i lavori degli studenti di Afragola e Cardito in ambiente 3D e da diverse angolazioni
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

NAPOLI – Sessanta opere d’arte in un’esposizione virtuale messa in mostra da alunni ed ex alunni dell’Istituto Emilio Sereni di Cardito e Afragola. Si parla del progetto ‘Sereni… Atelier Creativi’, nato dalla collaborazione tra il Liceo Artistico dell’Isis Sereni, Projenia, societa’ che eroga servizi online e la startup Cyclopes, che opera nel settore delle tecnologie avanzate.
Le creazioni nate dai laboratori pratici/esperienziali in ceramica, pittura e 3D, sono in esposizione permanente nella galleria virtuale ideata e realizzata per il progetto da Cyclopes così, per la prima volta, un istituto scolastico mette in mostra i lavori dei propri studenti grazie all’applicazione della realtà virtuale. Una tecnologia che permette ad un numero potenzialmente infinito di visitatori di ammirare i lavori in ambiente 3D, da diverse angolazioni e con la possibilità di visualizzare informazioni aggiuntive.

L’idea nasce come risposta ai divieti imposti dall’emergenza Covid-19, ripensando l’esposizione fisica delle opere d’arte in una rimodulazione nello spazio immaginario di una galleria d’arte che si proietta nel futuro.
“La nostra attenzione è stata sempre alta per non perdere di vista l’obiettivo: l’arte non si ferma – racconta la dirigente scolastica dell’Isis Sereni Daniela Costanzo -. Così è nata l’idea di creare un contenitore museale virtuale: non solo condivisione degli artefatti all’esterno delle mura scolastiche – dice la preside -, ma anche di competenze, acquisite sui banchi di scuola, e di estro personale”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

27 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»