Coronavirus, Bartoletti: “A Roma Uscar a domicilio. Su 60 visite 35% di positivi”

Lo ha detto Pier Luigi Bartoletti, vicepresidente dell'Ordine dei medici di Roma e provincia e segretario provinciale della Fimmg Roma
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Abbiamo istituzionalizzato il reparto Uscar che farà solo visite a domicilio. E’ attivo in affiancamento all’Ares 118. Abbiamo fatto 60 visite domiciliari e la percentuale di positivi al Covid è stata intorno al 35 per cento“. Lo ha detto, all’agenzia Dire, Pier Luigi Bartoletti, vicepresidente dell’Ordine dei medici di Roma e provincia e segretario provinciale della Fimmg Roma. 

Le Uscar saranno utili per cercare di dare una risposta alle persone che sono bloccate in casa senza potersi muovere, sia perché positivi e in quarantena, sia perché hanno sviluppato i primi sintomi. “Bisogna ragionare in termini fattuali e non teorici- ha spiegato Bartoletti- L’attività delle Uscar che fino a poco fa era riservata ai drive-in, ora va riconvertita in domiciliare perché c’è molta sottovalutazione preliminare della sintomatologia. Bisogna accorciare i tempi tra la segnalazione e il tamponamento e le Uscar fanno proprio questo. Finora abbiamo ospedalizzato soltanto una persona”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

27 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»