Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Maturità, il Miur smentisce: “Non è previsto nessun cambiamento”

Indiscrezioni di stampa avevano ventilato la possibilità di un cambio delle regole
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

scuola_maturità_Giovani 11ROMA   – Non sono previsti cambiamenti per il prossimo esame di maturità. A riferirlo il ministero dell’Istruzione: “Contrariamente a quanto riportato questa mattina da organi di stampa è necessario precisare che non c’è alcun cambiamento in vista per l’esame di maturità del prossimo giugno. Soprattutto per quanto riguarda la composizione delle commissioni- si legge nella nota del ministero- La legge delega in materia di valutazione è del resto ancora oggetto di consultazioni e non esistono testi definitivi. È del resto evidente che qualsiasi novità su un tema di questa rilevanza verrebbe comunicata tempestivamente e con modalità ufficiali al mondo della scuola da parte del ministero, nel rispetto di migliaia di insegnanti, di studenti e delle loro famiglie. Non si cambiano le regole del gioco in corsa”.

Nelle prossime ore “saranno pubblicati peraltro i primi atti relativi all’esame 2017 che non prevedono modifiche rispetto alle regole attuali“.

LEGGI ANCHE

Maturità 2016, in aumento voti dall’80 in su e le lodi

“Costa e non esamina”, la maturità sotto processo

Esami di maturità, le emozioni in venti scatti GUARDA

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»