Disabilità, a Firenze in sciopero della fame sotto il palazzo della Regione

Sono oltre venti, con cartelli e striscioni, volantini e clacson per chiedere piu' fondi sul fronte Vita Indipendente. L'assessore Saccardi: "Non riteniamo giustificate le motivazioni della protesta". Ma poi e' scesa in piazza e li ha incontrati, promettendo 9 milioni di euro e un incontro il 12 novembre
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

FIRENZE – Oltre venti disabili in sciopero della fame sotto il palazzo della Regione in piazza Duomo a Firenze. Cartelli e striscioni, volantini e clacson per chiedere alla Regione piu’ fondi sul fronte Vita Indipendente, affinche’ i disabili possano vivere in autonomia. Nello specifico i disabili denunciano “carenza di risorse, fondi inesistenti dopo i 65 anni e rendicontazioni al millesimo delle spese sostenute”. “La Regione Toscana – hanno detto i manifestanti – porta attacchi sempre piu’ poderosi ai diritti e alle condizioni di vita dei disabili. Faremo lo sciopero della fame a oltranza, fino a quando ce ne sara’ bisogno”. Il portone della Regione e’ stato chiuso per evitare l’ingresso delle carrozzine, ma i disabili sembrano intenzionati a trascorrere la notte in piazza.

La replica ai disabili arriva dall’assessore regionale al welfare Stefania Saccardi: “Non riteniamo giustificate le motivazioni della protesta, ne’ le modalita’. Siamo sempre stati disponibili a discutere e lo siamo ancora, ma chiariamo subito che qui non si vuole mandare nessun disabile negli istituti. Anzi. La Regione Toscana privilegia in assoluto il percorso domiciliare, e lo ha sancito anche con una legge nel 2008. L’anno scorso abbiamo avviato un percorso sperimentale per introdurre la flessibilita’ nelle strutture per disabili favorendo percorsi innovativi per facilitare l’uscita delle persone oggi in residenza e il loro progressivo”. L’assessore e’ poi scesa in piazza e ha incontrato i disabili, promettendo lo stanziamento di 9 milioni in piu’ su disabilita’ gravi e un incontro sulla Vita indipendente il prossimo 12 novembre.

di Redattore sociale

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»