Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Mafie, a Milano bruciata la targa a Lea Garofalo. Pd: “Siamo più forti dei vili”

GIARDINO LEA GAROFALO
Anpi e Libera il 3 ottobre saranno in piazza Prealpi per sostituire la targa vandalizzata con una definitiva lastra in pietra
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – “L’impegno a difendere la legalità e a combattere la mafia sarà sempre più forte di ogni riprovevole e vile atto di vandalizzazione”. Così la segretaria metropolitana del Pd Milano, Silvia Roggiani, in merito all’ennesimo sfregio a Lea Garofalo, la cui targa in piazza Prealpi, dove la testimone di giustizia fu torturata e uccisa, è stata nuovamente bruciata.

“Una vergogna senza fine- prosegue Roggiani- di chi vorrebbe annientare il ricordo di una donna coraggiosa che osò sfidare la ‘ndrangheta“. Tuttavia, “nessuno potrà mai scalfire la memoria di Lea Garofalo– osserva la segretaria metropolitana dem- un esempio e un modello a cui la nostra città e le giovani generazioni guardano.”

Intanto, Anpi e Libera comunicano che il 3 ottobre saranno in piazza Prealpi per sostituire la targa vandalizzata con una definitiva lastra in pietra, al loro fianco ci sarà anche la candidata presidente del Pd per municipio 8 di Milano, Giulia Pelucchi. “A questi atti vili risponderemo sempre a testa alta e alla luce del sole- sottolinea la candidata democratica- metteremo una nuova targa, come abbiamo già fatto e terremo vivo il ricordo di Lea, donna coraggiosa ed esempio per tutti e tutte noi.”

Anche Paolo Limonta ed Elena Lattuada, capilista di Milano Unita, condannano il gesto vandalico contro la memoria della testimone di giustizia: “una cosa inaccettabile,- affermano- continueremo a vigilare sulla panchina rossa dedicata a Lea Garofalo.”

Lea Garofalo fu ammessa al programma di protezione testimoni nel 2002, dopo aver accusato il marito e il cognato, Carlo e Giuseppe Cosco, per l’omicidio del fratello, Floriano Garofalo. Attirata a Milano dall’ex compagno per discutere del futuro di loro figlia, Lea venne uccisa in piazza Prealpi il 24 novembre 2009 e il suo corpo, una volta trasportato a Monza, venne dato alle fiamme nel tentativo di occultare le prove del delitto.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»