Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Grazia Deledda nasceva 150 anni fa, per lei una sala della Regione Sardegna

sala grazia deledda
La sala è a Villa Devoto, sede di rappresentanza. Solinas: "Grazie alle sue opere, la Sardegna è entrata nel dibattito culturale e letterario del mondo intero con la sua identità più profonda"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

CAGLIARI – “Grazie alle sue opere, la Sardegna è entrata nel dibattito culturale e letterario del mondo intero con la sua identità più profonda”. A 150 anni dalla nascita di Grazia Deledda, il presidente della Regione, Christian Solinas, ha voluto aprire così le celebrazioni in onore del premio Nobel per la letteratura, intitolando alla grande intellettuale e scrittrice una sala della sede di rappresentanza della Regione, Villa Devoto.

“L’identità e l’autenticità della Sardegna sono state proposte al mondo dall’opera della Deledda- le parole di Solinas-. Ha trasmesso al mondo e al consesso letterario il senso dell’altruità e dell’altrove, e cioè che esisteva un luogo e un popolo con differenze e peculiarità altamente qualificanti, che hanno costretto tutti a fare i conti con la grande ricchezza di un mondo, di un volto e di tradizioni che si inseriscono nel contesto europeo con la loro importanza. È un modo, non per staccarsi ma per unirsi meglio, e confrontarsi in un equilibrio armonioso“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»