Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Acquaroli: “Sono contrario all’obbligo vaccinale, l’adesione resti volontaria”

francesco acquaroli
Il presidente della Regione Marche si dice favorevole alla libera scelta, purché sia davvero libera e "non condizionata da una serie di iniziative che rendono impossibile la vita a chi non si vaccina"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ANCONA – “L’obbligo vaccinale è un elemento che in questa fase non andrei a considerare: la volontarietà è la scelta giusta ma deve essere una volontarietà vera”. Lo ha detto il presidente della Regione Marche, Francesco Acquaroli, ospite di SkyTg 24 commentando l’andamento della campagna vaccinale nel paese.

“Io sono favorevole alla vaccinazione– dice Acquaroli-. Ma penso debba esserci una volontarietà vera e che non sia condizionata da una serie di iniziative che rendono impossibile la vita a chi non si vaccina. Penso, in particolare, ai giovani. Tanti genitori vaccinati non hanno vaccinato i figli minorenni a cui viene preclusa la possibilità di fare attività sociale e sportiva. Così si rischia di discriminare la fascia dei giovani. Va garantita loro la possibilità di essere inseriti in tutti i meccanismi sociali e, in tal senso, credo si potesse fare uno sforzo per garantire, ai fini dell’ottenimento del green pass, tamponi calmierati o gratuiti”.

Sulle nuove misure per il contenimento dell’emergenza sanitaria che il Governo si appresta a varare il governatore marchigiano invita a cambiare il punto di vista. “Bisogna cambiare il punto di riferimento che fino a qualche tempo fa era il numero dei contagi– conclude-. Oggi direi che occorre ragionare sul numero dei ricoveri ospedalieri e lavorare su tutte quelle che sono le azioni da mettere in campo permettendo di curare la gente a casa piuttosto che in ospedale. Noi nelle Marche l’abbiamo fatto mettendo a disposizione dei medici di medicina generale e delle Usca un numero importante di specialisti per sostenere le cure domiciliari. È chiaro che, dall’altro punto di vista, si guarda anche a mettere in condizione tutti i settori di tornare ad aperture per garantire un rilancio economico ed occupazionale“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»