In piazza con ‘Non una di meno’ per aborto sicuro

Articolo dedicato alla giornata dell'aborto sicuro del 28 settembre di Raffaella Sirena, giornalista coinvolta nella rete DireDonne
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – In un periodo in cui i diritti delle donne sono messi in discussione, torna a farsi sentire forte la voce della protesta femminista. Domani 28 settembre, in occasione della giornata mondiale per l’aborto libero e sicuro, scenderanno in piazza in tutta Italia le donne per chiedere il pieno riconoscimento dell’autodeterminazione e l’applicazione della legge 194 per garantire che le interruzioni volontaria di gravidanza (IVG) siano libere e sicure.

“Negli ultimi mesi- dichiarano in una nota le organizzatrici di Non Una di Meno- abbiamo assistito al preoccupante aggravarsi di un attacco patriarcale e razzista. Stupri, femminicidi e violenze contro le donne e le persone LGTB non soltanto sono aumentate di intensità, ma hanno trovato anche sempre più una pericolosa legittimazione sulla stampa e nel discorso politico”. Così, in un articolo dedicato alla giornata dell’aborto sicuro di domani, sabato 28 settembre, è Raffaella Sirena, giornalista coinvolta nella rete DireDonne.

“Nei tribunali e negli ospedali- continuano le organizzatrici di Non Una di Meno- l’autodeterminazione e la salute delle donne sono sempre più calpestate dal 70% dei medici obiettori di coscienza, da pratiche di patologizzazione e psichiatrizzazione e da una giustizia maschilista. Vogliamo molto più della 194: la maternità è una scelta, non un dovere verso la patria. Vogliamo gli obiettori fuori dagli ospedali e dai consultori, la pillola abortiva accessibile e senza ospedalizzazione, la Pas fuori dai tribunali e il ritiro immediato del ddl Pillon e di qualsiasi testo unificato che ne derivi”. Intanto- scrive Raffaella Sirena- un primo risultato sembrerebbe raggiunto con l’archiviazione del ddl sull’affido condiviso in base alle recenti dichiarazioni della neoministra alle Pari opportunità e Famiglia Elena Bonetti, la quale ha scritto in un tweet: ‘Se mi hanno lasciato nel cassetto una copia del decreto Pillon? Non mi sono informata ma per quanto mi riguarda resterà nel cassetto’.

Ma sulla questione dell’aborto a livello internazionale ci sono molti elementi di preoccupazione: in Argentina ad agosto dello scorso anno il Senato ha bocciato la proposta di legge sull’interruzione volontaria della gravidanza, la possibilità di abortire è concessa solo alle donne vittime di stupro o a quelle la cui vita è seriamente messa in pericolo dalla gravidanza e anche negli USA ci sono state recenti leggi che negano il diritto all’aborto, come in Alabama, Georgia, Ohio, Kentucky, Louisiana, Mississippi e Missuori.

In Italia, pur essendoci una legge- continua Sirena- ci sono tanti ostacoli concreti dovuti all’altissima percentuale di medici obiettori nei consultori e negli ospedali pubblici. Di questo tema si occupa la graphic novel “Vita. L’aborto di un Paese civile”, realizzata da Anna Cercignano per le edizioni AltraInformazione. La pubblicazione di quest’opera è stata finanziata tramite un crowdfunding con l’obiettivo di raccontare, attraverso i disegni, i diritti sessuali e riproduttivi, utilizzando dati e rapporti di Amnesty International. Come afferma l’autrice Anna Cercignano: “Questo libro l’ho realizzato in collaborazione con i promotori di Obiezione Respinta. Il caso ha voluto che la prima presentazione si svolgerà a Padova il prossimo lunedì 30 settembre. Saremo ospiti di Non Una Di Meno Padova, insieme a tante belle persone, per parlare di diritto all’aborto e del perché ho deciso di mettere questa esperienza su carta”.

(Foto: il fumetto “Vita. L’aborto di un paese civile” di Anna Cercignano)

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

27 Settembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»