Paura in un palazzo a Bologna, poi la scoperta dei pompieri: prugne bruciate

Mobilitazione imponente ieri sera in via Vizzani a Bologna per quello che sembrava un incendio. Invece erano le prugne che un'inquilina si era dimenticata sul fuoco
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Via vai di mezzi di soccorso e un bel po’ di preoccupazione tra gli inquilini (e il vicinato) di un palazzo di via Vizzani, a Bologna, nella tarda serata di ieri: tutto nasce da una forte puzza di bruciato e dal fumo che si diffonde per le scale. L’origine? Alla fine, a quanto pare, si trattava solo di prugne accidentalmente bruciate nella cucina di un appartamento al primo piano.

L’allarme è scattato ieri sera poco prima delle 23. Ne ha scritto in quel momento su Facebook, pubblicando qualche foto, anche l’ex consigliere provinciale Andrea De Pasquale: “Cinque camion dei vigili del fuoco e tre auto dei carabinieri in via Vizzani. Che succede?“. Un’inquilina del palazzo in questione spiega alla ‘Dire’ di aver sentito, al pari di altri condomini, una forte puzza di bruciato.

Affacciandosi sulle scale, gli abitanti del palazzo hanno visto il fumo ed è partita la chiamata ai Vigili del fuoco. I pompieri sono arrivati “equipaggiati fino ai denti”, segnala la donna che abita del palazzo, aggiungendo che oltre ai pompieri sono arrivati anche i Carabinieri e un’ambulanza. E’ scattato un sopralluogo in tutto l’edificio e ai condomini è toccato attendere l’esito “in pigiama e spaventati“, continua il racconto. Alla fine, questo il verdetto: “La signora del primo piano aveva bruciato le sue prugne…”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

27 Settembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»