Insulti razzisti a Juan Jesus, tifoso bandito a vita dalle partite della Roma

Sulla vicenda, sollevata dallo stesso difensore giallorosso, è intervenuto anche il presidente del Consiglio Giuseppe Conte
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il gestore di questo account Instagram ha inviato insulti razzisti disgustosi a Juan Jesus, attraverso un messaggio diretto. Abbiamo segnalato l’account alla Polizia e a Instagram. La persona responsabile sarà daspata a vita dalle partite dell’#ASRoma”. Con questo messaggio via twitter la società ha reso noto un provvedimento durissimo contro chi aveva dileggiato il difensore giallorosso. “Negro”, “scimmione” e altri epiteti gli erano stati rivolti via Instagram, come denunciato da lui stesso tramite il suo account, da cui chiamava in causa direttamente la società. Non solo.  Sulla vicenda è intervenuto anche il presidente del Consiglio Giuseppe Conte: “Chi ha insultato ieri #JuanJesus non ha alcuna passione per lo sport: che stia fuori a vita dagli stadi sportivi!”, ha twittato. 

Juan Jesus, sempre nelle Storie di Instagram, ha ringraziato tutti per la solidarietà ricevuta: “Che Dio vi benedica”. 

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

27 Settembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»