Def, Fortuna (Unicusano): “Priorità è attuare programma di governo”

ROMA - Nel giorno in cui dovrebbe essere reso noto il contenuto della nota di aggiornamento del documento di economia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Nel giorno in cui dovrebbe essere reso noto il contenuto della nota di aggiornamento del documento di economia e finanza il rettore dell’Università Niccolò Cusano, Fabio Fortuna, è intervenuto a Radio Cusano Campus.

“Quest’anno la situazione è particolarmente complicata- ha dichiarato Fortuna- perché abbiamo un programma di governo che deve essere attuato, ma al tempo stesso le fonti di copertura scarseggiano. Quindi diventa complicato conciliare l’esigenza di non deludere i cittadini e gli osservatori nazionali internazionali che ci stanno guardando.

“Tutti- continua Fortuna- stanno guardando a quello che accade in Italia. E allora è necessario iniziare ad attuare questo programma di governo, almeno parzialmente nei suoi punti principali. Io credo che bisogna partire da questo assunto, che è ineludibile: questo è l’unico dato certo, oltre i 12,4 miliardi di euro che serviranno per disinnescare le clausole di salvaguardia dell’Iva”.

“A seguire- aggiunge il rettore- ci sono da iniziare: la modifica della legge Fornero, il reddito di cittadinanza e la Flat tax. E qui tutti sparano i numeri più disparati, senza sapere nulla si sparano cifre che probabilmente sono troppo elevate perchè per iniziare forse c’è bisogno di risorse minori delle cifre sparate a destra e sinistra. Questa è una sfida morale e politica a cui il governo non può sottrarsi”.

Il rettore ha concluso “Il vincolo dell’1,6% famoso a cui il ministro Tria si è ancorato non è un parametro che può andar bene in questo momento, secondo me sforeremo oltre il 2%. E sarà ciò che vedremo perché se si vuol fare qualcosa il governo ha bisogno di risorse, quindi il rapporto deficit-pil, previsto inizialmente addirittura allo 0,8%, inevitabilmente aumenterà. Si tratta di capire di quanto aumenterà. Io credo che oltrepasseremo il 2%. La paura è che aumentando questo rapporto deficit-pil l’Italia venga colpita dalla speculazione, cioè perda di reputazione e credibilità e gli investitori internazionali possano scatenare una guerra speculativa.  Ma io penso che se il governo è convinto che per attuare queste politiche, peraltro già annunciate e che si aspettano tutti, è necessario farlo, allora deve farlo. Io non credo che succederà la fine del mondo se sforiamo rispetto all’1,6%”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»