Panino da casa a scuola? Regione Emilia-Romagna: “Però sia di qualità”

La Regione mette al bando il 'junk food' perchè il cibo serve anche per far conoscere ai ragazzi gli alimenti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

zaino_panino_pranzo al sacco

BOLOGNA – Se proprio i genitori vogliono dare ai figli il pasto da casa da consumare a scuola, che sia almeno un mangiare di qualità. In attesa di far sedere intorno a un tavolo Comuni, Ausl, istituiti scolastici e famiglie, la Regione Emilia-Romagna interviene nella polemica sul panino in classe e manda una chiara raccomandazione ai genitori. Oggi in Assemblea legislativa, è il sottosegretario Andrea Rossi a rispondere all’interrogazione di Andrea Bertani (M5s), citando le linee guida di viale Aldo Moro sull’alimentazione nelle scuole. Indicazioni, manda a dire Rossi, che “costituiscono uno strumento concreto per la promozione di sane scelte alimentari in tutto l’ambiente scolastico e sono utili anche a orientare la scelta dei cibi portati da casa. Questo può avvenire integrando con ulteriori suggerimenti rivolti ai genitori nella scelta del pasto da consumare a scuola da fornire ai bambini”.

panino2In sostanza, la Regione chiede ai genitori di non dare ai propri figli il cosiddetto junk food. “Il pasto consumato a scuola, per la sua valenza educativa- sottolinea Rossi- può costituire lo strumento con cui far conoscere agli alunni gli alimenti e la loro funzione e, se inserito in un progetto complessivo, che coinvolga anche genitori e insegnanti, può portare i ragazzi a modificare abitudini alimentari errate“. In questo senso, raccomanda la Regione, “i genitori possono avere un ruolo attivo e fondamentale per mantenere una coerenza tra scuola e famiglia nei messaggi educativi e nelle esperienze proposte”. Un’idea condivisa anche dai 5 stelle, che invita però la Regione a essere “più veloce” nel “promuovere un tavolo tra tutti i soggetti interessati”. Ad oggi però viale Aldo Moro ha solo contatti in corso con l’Ufficio scolastico regionale “per una prima disamina del tema e per avviare in confronto strutturato” per definire “modalità organizzative e gestionali” su come consumare a scuola il pasto portato da casa.

di Andrea Sangermano, giornalista professionista

LEGGI ANCHE:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»