Non solo cibo, la Calabria all’Expo presenta le meraviglie del territorio: i Parchi

La Calabria è, infatti, una terra in cui la maggior parte del territorio conserva intatte le proprie caratteristiche ancestrali, tutto questo in armonia con i metodi agricoli di coltivazione e di produzione che i contadini preservano secondo tradizioni del passato.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – Cibo, enogastronomia, cultura, ma anche paesaggi, morfologia e territorio. L’immersione nell’universo delle meraviglie calabre prosegue e si snoda lungo questa terza giornata della ‘Settimana del protagonismo della Calabria’, che ha come tema principale i parchi naturali e le loro risorse.

Durante il meeting andato in scena al padiglione del Corriere della Sera, la grande giornata dedicata alle riserve naturali si è dipanata in tre step distinti, circoscrivibili con le parole chiave ‘presentazione’, ‘promozione’ e ‘collaborazione’. La Calabria è, infatti, una terra in cui la maggior parte del territorio conserva intatte le proprie caratteristiche ancestrali, tutto questo in armonia con i metodi agricoli di coltivazione e di produzione che i contadini preservano secondo tradizioni del passato.

calabria parchi4

Il Parco nazionale del Pollino con il presidente Mimmo Pappaterra, quello della Sila con il commissario Sonia Ferrari, il parco dell’Aspromonte con il presidente Giuseppe Bombino hanno illustrato alla presenza del numeroso pubblico il ricco patrimonio ambientale, naturalistico e agroalimentare, diversificato a tal punto da rendere la Calabria un bacino eterogeneo, a testimonianza della sua rigogliosa offerta turistica.

La giornata si è conclusa con la firma della “Carta del Cibo”, trattato unico promosso dalla regione Calabria in collaborazione con Puglia, Basilicata, Campania e Sicilia e patrocinato da Vittorio Alessandro, presidente dell’Ente Parco Nazionale Cinque Terre e rappresentante di Europark, l’organismo che riunisce i parchi nazionali europei, il tutto per favorire lo sviluppo di una rete interregionale che unisca le risorse delle aree protette.

di Nicola Mente – giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»