Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Lavoro, Inps: “Effetto Covid sulle assunzioni, in cinque mesi -43%”

I dati Istat certificano la crisi del mercato del lavoro, il calo più significativo per i contratti a termine
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Le assunzioni attivate dai datori di lavoro privati nei primi cinque mesi del 2020 sono state 1.795.000. Lo comunica l’Inps, sottolineando che rispetto allo stesso periodo del 2019 la contrazione e’ stata molto forte (-43%) per effetto dell’emergenza legata alla pandemia Covid-19 e delle conseguenti restrizioni (obbligo di chiusura delle attivita’ non essenziali) nonche’ della piu’ generale caduta della produzione e dei consumi.

Tale contrazione, spiega l’istituto, e’ risultata particolarmente negativa nel mese di aprile (-83%), con un miglioramento a maggio (-57%). La contrazione ha riguardato tutte le tipologie contrattuali; in maniera nettamente accentuata cio’ si osserva per le assunzioni con contratti di lavoro a termine (stagionali, intermittenti, somministrati, a tempo determinato).

L’impatto del Covid, spiega ancora l’Inps, ha fortemente interessato i contratti a termine, accentuandone le tendenze, gia’ in essere, alla flessione. Il saldo dei rapporti a tempo determinato a maggio 2020 e’ risultato pari a -552.000. Dati tendenziali significativamente negativi si registrano, sempre a fine maggio, pure per gli intermittenti (-92.000), i somministrati (-155.000) e gli stagionali (-210.000).

La consistenza dei lavoratori impiegati con Contratti di Prestazione Occasionale poi a maggio e’ di poco superiore alle 9.000 unita’ (in forte diminuzione rispetto allo stesso mese del 2019, -50%); l’importo medio mensile lordo della loro remunerazione effettiva risulta pari a 234 euro. Per quanto attiene ai lavoratori pagati con i titoli del Libretto Famiglia, a maggio 2020 essi risultano circa 148.000, in aumento del 1.461% rispetto a maggio 2019, la crescita e’ da riferirsi essenzialmente all’introduzione del bonus baby-sitting; l’importo medio mensile lordo della loro remunerazione effettiva risulta pari a 561 euro.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»