Roma, Calenda: “Io non mi candido. Pd preferirebbe Raggi a me”

Lo afferma il leader di Azione, Carlo Calenda, in un'intervista a Il Tempo, sottolineando che "non ci sono le condizioni"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Io non mi candido. L’ho gia’ detto: il mio impegno e’ dare vita a un partito per i popolari, liberali e riformisti”. Lo afferma il leader di Azione, Carlo Calenda, in un’intervista a Il Tempo, sottolineando che “non ci sono le condizioni: piuttosto che appoggiarmi il Pd si butterebbe nel Tevere preferendo appoggiare la Raggi. E, in secondo luogo, io non credo che con questo Pd si possa governare Roma“.

Sui nomi dei possibili candidati, Calenda aggiunge: “Il Pd non so chi intende candidare, se Sassoli o Gualtieri. Ma mi pare che entrambi non siano interessati e i Dem sono nel pallone come su tante altre cose”. 

Ma col Pd sarebbe disponibile a trovare un candidato comune? “Certo che lo sono. Sono a prescindere disponibile a lavorare per trovare un candidato adatto, a ripartire ideando insieme un piano articolato per la citta’. Sono pronto a farlo con il Pd e con le forze piu’ di centro”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

27 Agosto 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»