Gay Center: “Bene sostegno del Papa a figli gay ma eviti psichiatria”

"Parlarne puo' indurre a pensare che essere omossessuali sia malattia"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “In merito al rapporto genitori e figli ogni anno riceviamo oltre 20.000 contatti al nostro servizio Gay Help Line 800713713, e moltissimi giovani e giovanissimi ci raccontano delle difficoltà e violenze in famiglia perchè sono lesbiche, gay o trans, ed oltre 400 ogni anno tra minorenni ed appena maggiorenni vivono situazioni gravissime. Pertanto, ribadiamo che è sbagliato accostare l’omosessualità ad una patologia psichiatrica, ricordiamo che dal 1990 l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato che l’omosessualità non è una malattia e pertanto non va curata”. Così in una nota Fabrizio Marrazzo, portavoce del Gay Center e Responsabile Gay Help Line 800713713.
Pertanto, aggiunge, “il messaggio di accoglienza del Papa, sui figli gay che non vanno cacciati, è un segnale importante di apertura, però parlare di psichiatria induce i genitori cattolici a credere che con la psichiatria si può curare l’omosessualità: va chiarito che questo non è possibile e che l’omosessualità non è una malattia, ma- conclude Marrazzo- è una variante naturale del comportamento umano e come tale va solo accettata e rispettata”.

Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»