Siria, il 7 settembre a Tabriz il summit tra Russia, Turchia e Iran

L'incontro segue l'annuncio di un'offensiva di Assad contro Idlib
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il 7 settembre i leader di Russia, Iran e Turchia si incontreranno a Tabriz, nel nord dell’Iran, per discutere della situazione in Siria. A darne notizia e’ stata la ‘Trt’, l’emittente di Stato turca. Si tratta del terzo summit che questi tre Paesi organizzano sul dossier siriano, e la decisione giunge dopo l’annuncio del presidente Bashar Al-Assad di compiere un’offensiva contro Idlib, per sconfiggere una volta per tutte l’ultimo bastione della ribellione.
A fine luglio il presidente turco Recep Tayyip Erdogan aveva paventato la possibilita’ di estendere l’invito anche a Francia e Germania, ma secondo la stampa internazionale appare ormai una prospettiva poco realistica. Intanto, il presidente francese Emmanuel Macron stamani, durante l’annuale incontro con gli ambasciatori, ha definito “allarmante” la situazione in Siria e spiegato che un attacco nella regione nord-occidentale del Paese “rischia di creare una nuova crisi umanitaria”. Ha quindi fatto appello a “rafforzare la pressione sul regime e sui suoi alleati”. Il governo di Damasco, secondo Macron, al momento “non mostrerebbe nessuna volonta’ di negoziare una transizione politica”, insistendo sul “ruolo e gli impegni presi” in questo senso da Russia e Turchia.

Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»