Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Myanmar, l’Onu accusa l’esercito: “Contro i rohingya un genocidio”

In rapporto sotto accusa capo forze armate e altri 5 generali
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Una richiesta di incriminazione per genocidio, crimini contro l’umanità e crimini di guerra è stata formulata oggi da una commissione d’inchiesta dell’Onu nei confronti del comandante in capo e di altri cinque ufficiali dell’esercito birmano per un’offensiva che in Myanmar ha preso di mira le comunità rohingya. Nel documento si sottolinea la necessità di perseguire i “principali generali” della Birmania, compreso il comandante in capo Min Aung Hlaing, per stragi commesse negli Stati di Rakhine, Kachin e Shan. L’inchiesta era stata disposta nel marzo 2017 dal Consiglio dell’Onu per i diritti umani. Secondo gli inquirenti, nelle offensive sferrate dall’esercito sarebbero state uccise all’incirca 10mila persone.

Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»