Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Messico, trovato morto padre Miguel scomparso la settimana scorsa

ROMA - È stato trovato sabato scorso senza vita il corpo di padre Miguel Gerardo Flores Hernández, il sacerdote messicano
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – È stato trovato sabato scorso senza vita il corpo di padre Miguel Gerardo Flores Hernández, il sacerdote messicano della congregazione dei Missionari della Sacra famiglia, che era stato visto per l’ultima volta sabato 18 agosto nella zona di Uruapan, città dello Stato del Michoacán, nel territorio della diocesi di Zamora.

Il religioso aveva celebrato la messa nella località di Matanguaran. Poi di lui non si era più saputo nulla, tanto che i religiosi della sua comunità, a Buenavista Tomatlán, e in particolare il parroco padre José Luis Segura, avevano denunciato alla Polizia la sua scomparsa. Il corpo del sacerdote è stato trovato già in avanzato stato di decomposizione nella località di Nueva Italia, nel comune di Múgica.

La morte di padre Flores è stata confermata in un comunicato dall’arcidiocesi di Morelia, nella quale si esprime la propria vicinanza ai Missionari della Sacra Famiglia e ai familiari del sacerdote ucciso.

Padre Flores Hernández era attualmente vicario parrocchiale nella parrocchia di Santa Caterina d’Alessandria, a Jucutacato (diocesi di Zamora). Non risulta che avesse ricevuto minacce.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»