hamburger menu

Svelata l’identità di Liberato? Il web lo difende: “Rispettate la sua scelta”

La Siae avrebbe involontariamente rivelato il nome del cantante 'incappucciato'

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – Chi è Liberato? Il cantante ‘incappucciato’ ha scelto di rimanere nell’anonimato, nascondendo il suo volto con cappuccio, bocca coperta e occhiali da sole. Un vero segreto la sua identità, celata fin dal suo esordio nel 2017 con la pubblicazione del suo primo album ‘Nove maggio’. Da allora, in molti hanno cercato di scoprire chi si cela sotto la maschera e il suo nome nel corso degli anni è stato accostato a diversi artisti, primo fra tutti Livio Cori. Ma adesso sembra che, involontariamente, sia stata proprio la Siae a svelarne il mistero.

LA SIAE HA SVELATO L’IDENTITÀ DI LIBERATO?

Secondo le ricostruzioni dell’utente di TikTok alexvalenty, ricondivise dalla pagina Instagram ‘The Pipol Gossip’, la Siae avrebbe dato un nome a Liberato. Cercando su Google la canzone del cantante ‘We came from Napoli’ vengono indicati come autori Gaika Tavares, un rapper inglese, e il cantante partenopeo Gennaro Nocerino. Quest’ultimo è anche accreditato come producer di Future Romance, progetto musicale realizzato con Fiorius e Bawrut. E qui entra in gioco la Siae. Sul sito della società, infatti, gli autori del brano risultano Fiorius, Bawrut… e Liberato.

Dunque, secondo le ricostruzioni, sotto la maschera di Liberato si nasconderebbe Gennaro Nocerino.

IL WEB IN RIVOLTA

L’ipotetica scoperta dell’identità di Liberato, tuttavia, non ha ottenuto l’effetto sperato. Su Twitter in molti hanno chiesto di rispettare le scelte del cantante, e di soffermarsi sulla sua musica, non sul suo volto.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-07-27T10:51:51+02:00