Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Il Libano sceglie un altro miliardario per risollevarsi dalla crisi: Najib Mikati nuovo premier

Najib Mikati libano
Coinvolto in una serie di inchieste per appropriazione indebita e abuso di potere, il suo patrimonio secondo Forbes ammonta a 2,7 miliardi di dollari e ha già ricoperto due volte il ruolo di capo del governo. Tra i suoi sostenitori anche Hezbollah
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – A pochi giorni dall’anniversario dell’esplosione al porto di Beirut, il 4 agosto, il Libano sceglie un altro miliardario alla guida del governo: Najib Mikati, 65 anni, è stato designato primo ministro ed è ora incaricato di formare il governo. Un’impresa nella quale ha fallito il suo predecessore, un altro businessman con la passione della politica, Saad Hariri, che si è dimesso pochi giorni fa.


Mikati – il cui patrimonio secondo la rivista ‘Forbes’ ammonta a 2,7 miliardi di dollari – ha già ricoperto due volte il ruolo di capo del governo. Adesso avrà il compito di trovare una squadra di ministri in grado di attuare le riforme economiche e finanziarie chieste dalla comunità internazionale in cambio di credito, mentre il Paese attraversa una crisi grave: la lira continua a crollare rispetto al dollaro, mentre disoccupazione e inflazione dilagano. Mikati ha annunciato di aver ottenuto “garanzie dalla comunità internazionale”, mentre in Parlamento ha incassato il sostegno dei partiti musulmani: non solo quello sunnita, al cui lui stesso appartiene, ma anche quello sciita e in particolare di Hezbollah, che invece si era rifiutato di sostenere Hariri. Mancano all’appello i cristiani.


Più grave sembra però il fatto che il neo-premier sia coinvolto in una serie di inchieste per appropriazione indebita e abuso di potere. Questioni su cui il movimento di protesta popolare non passerà sopra, dal momento che – forte del sostegno di associazioni e sindacati – dal 2019 continua a scendere in piazza per chiedere la fine del sistema confessionale all’interno di partiti e istituzioni e riforme che restituiscano ossigeno alle famiglie, piegate dalla crisi economica generata dal Covid e dalla perdita di potere d’acquisto dei salari.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»