Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

‘Vax and Go’, da oggi a Roma ci si vaccina in aeroporto prima di partire

vaccino_aeroporto
D'Amato: "Siamo i primi a farlo". Aeroporti di Roma: "Viaggiare in sicurezza"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Vaccinarsi all’aeroporto subito prima di partire per andare in vacanza o per lavoro. Da oggi è possibile allo scalo Leonardo Da Vinci di Roma, il primo in Europa, con Vax and Go. Sotto il coordinamento dell’Istituto Spallanzani, un’equipe medica al Terminal 3 ha iniziato da stamattina a somministrare dosi di siero Pfizer, Moderna o Johnson and Johnson sia a chi ha bisogno del richiamo sia a chi (in questo caso col J&J) non è vaccinato. Le scorte disponibili consentiranno di fare dai 100 ai 150 vaccini al giorno a chiunque lo voglia, senza alcuna prenotazione, purché sia in possesso di una tessera sanitaria col codice Team.

Il governatore del Lazio, Nicola Zingaretti, l’assessore regionale alla Sanità, Alessio D’Amato, il presidente di Aeroporti di Roma, Claudio De Vincenti, l’ad della società, Marco Troncone, e il direttore sanitario dello Spallanzani, Francesco Vaia hanno inaugurato il nuovo centro nell’area partenze dello scalo capitolino. “Mi auguro che anche gli altri aeroporti europei seguano questa esemplare innovazione- ha spiegato Zingaretti- Dobbiamo portare l’Italia fuori dall’incubo del Covid e ridare agli italiani la libertà di vivere. Il Vax&go che apre oggi all’aeroporto di Fiumicino è l’ennesima opportunità che si offre agli italiani per vaccinarsi. Il nostro obiettivo è tornare alla libertà senza se e senza ma, e per questo servono due cose: vaccini e comportamenti responsabili. Tutto il resto sono buffonate di chi vuole speculare sull’emergenza. Noi invece vogliamo tornare a divertirci senza paura, viaggiare, andare a scuola, all’università, al ristorante, al cinema, nei negozi”.

D’Amato ha ricordato che “esattamente un anno fa, il 6 luglio, fummo i primi a fare i tamponi negli aeromobili, oggi siamo i primi a fare i vaccini in aeroporto per incrementare l’offerta vaccinale e raggiungere il prima possibile l’obiettivo dell’immunizzazione”. Mentre De Vincenti ha sottolineato che “è la voglia di ripresa lo spirito con cui abbiamo aperto questo centro vaccinale dentro il terminal, che si aggiunge al centro vaccinale nel parcheggio lunga sosta dell’aeroporto. Aeroporti di Roma fin dall’inizio della pandemia si è attrezzata per gestire i flussi di passeggeri con la massima sicurezza. Questo è un passo ulteriore che serve a tutta la società perché significa poter viaggiare in sicurezza per sé e per gli altri”.

L’aeroporto è “un luogo simbolico” secondo Francesco Vaia, per il quale “i trasporti sono stati luoghi forse scarsamente attenzionati e dove probabilmente si è formato il contagio. All’epoca dicevamo biglietto-tampone, oggi possiamo dire biglietto-vaccino. Dobbiamo avere questo green pass che è un atto premiale. Quello di Roma è considerato l’aeroporto più sicuro d’Italia, anche per questa grande collaborazione con Spallanzani e Regione Lazio”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»