Valente (Pd): “Alma ennesima vittima di Pas, stop a sopruso giudiziario”

La Pas deve essere messa al bando e abolita dai tribunali per sempre
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ALMA

ROMA – “Lei e’ Alma, l’ennesima vittima della Sindrome da Alienazione parentale, un insensato strumento spesso utilizzato a danno delle madri nei processi di separazione in caso di abusi sulla donna e sui figli. Alma si e’ vista portar via i suoi quattro figli minori, dopo essere stata trascinata dall’ex marito, denunciato per abusi sui figli, in una sequela di processi e perizie che hanno stabilito l’affidamento dei minori ai nonni paterni. La loro volonta’ di restare con la madre e’ rimasta inascoltata. Dal 10 luglio i figli sono stati trasferiti in tre case famiglia differenti e la piu’ piccola affidata a una famiglia. Il loro desiderio di ricongiungersi ad Alma e’ cosi’ profondo che hanno annunciato in una lettera l’inizio di uno sciopero della fame. C’e’ una mamma che lotta senza sosta da mesi e dei bambini che desiderano riabbracciarla. Mettiamo fine a questo sopruso giudiziario. La Pas deve essere messa al bando e abolita dai tribunali per sempre. Non e’ una sindrome, non e’ un criterio di valutazione, non ha alcuna base scientifica. È solo un ulteriore strumento di violenza contro le donne. Basta”. Cosi’ su Facebook la senatrice Pd e presidente della Commissione parlamentare d’inchiesta sul femminicidio, Valeria Valente.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»