VIDEO | Pubblica Amministrazione, Dadone: “Smart working? No alla paura del nuovo”

L'intervento del ministro al digital debate dal titolo "Riorganizzare il Pubblico per rilanciare il Privato"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Sfruttare in questa fase post lockdown lo smart working, “anche se si possono prevedere ingressi alternati e front office distanziati con orari e su prenotazione”. La ministra per la Pubblica Amministrazione Fabiana Dadone difende il lavoro agile e invita “a non arroccarsi sulla paura del nuovo”. Il governo, assicura in un dibattito organizzato dalla Federazione Lavoratori Pubblici e Funzione Pubblica, con Consenso Europa e la media partnership di agenzia Dire, è attivo sui rientri al lavoro in sicurezza “ma ora dobbiamo essere in grado di portare avanti l’esperimento dello smart working”. Secondo la ministra bisogna cambiare ottica sul lavoro e improntarlo sul risultato, questo “spingerebbe anche a stanare i cosiddetti fannulloni”. Secondo la Federazione Lavoratori Pubblici sono tre le priorità a cui deve pensare la politica: “riorganizzazione del lavoro, innovazione digitale e rinnovo del contratto. Il governo deve avere una visione strategica del Paese”, chiede il segretario generale FLP, Marco Carlomagno. Quindi stop a interventi frammentati e discontinui. Per il direttore dell’Agenzia delle Entrate, Ernesto Maria Ruffini, è invece “un passo imprescindibile” la semplificazione delle leggi del sistema fiscale. “Sono circa 800 – dice- e non ci si mette mano dalla fine degli anni ’60. Le leggi possono dare una mano ma la loro riduzione e’ necessaria”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

27 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»